Questo sito utilizza soltanto cookies tecnici che non necessitano di consenso. Non raccogliamo altri dati personali sulla vostra navigazione. Se volete saperne di più andate alla pagina Cookie Policy

Vicolo delle Grotte collega via dei Giubbonari a via Capodiferro ed il toponimo deriva dagli avanzi del "Teatro di Pompeo" ridotti a grotte ed in seguito adibiti a botteghe, in particolare cantine ed osterie: a Roma questi locali sono conosciuti proprio come grotta o grottino.

1 Edificio dove nacque Aldo Fabrizi


Al civico 10 di questa via (nella foto 1) nacque nel 1905 il grande attore, comico e regista Aldo Fabrizi, ricordato da una bellissima quanto commovente targa: "ALDO FABRIZI È NATO IN QUESTA CASA QUI COMINCIA LA LUNGA STRADA CHE ABREBBE PERCORSO QUEL BAMBINO DESTINATO AD AMARE LE TAVOLE DEL PALCOSCENICO QUANTO LE TAVOLE IMBANDITE SE RIUSCIRETE A FERMARVI UN MOMENTO SENTIRETE ANCORA NELL'ARIA LA SUA RISATA ALDO È ANCORA QUI NON SE NE È MAI ANDATO S.P.Q.R. 2000". Ai civici 20-22 si trova il cinquecentesco palazzetto Cardelli, fatto costruire da Simone Cardelli, originario di Lucca, come ricorda la scritta sul portale architravato al civico 20: "(SIM)ON DE CARDE(L)LO DE LUC(C)A FUNDAVIT", mentre sull'altro portale gemello al civico 22 è scritto: "INTRA FORTUNA MANENDUM" (ovvero "Non si deve approfittare della fortuna"). L'edificio presenta belle finestre architravate, tra le quali un tempo dovevano esserci decorazioni ad affresco: un marcapiano in travertino completa la facciata.