Questo sito utilizza soltanto cookies tecnici che non necessitano di consenso. Non raccogliamo altri dati personali sulla vostra navigazione. Se volete saperne di più andate alla pagina Cookie Policy

RomaSegreta implementa il servizio di visualizzazione dei video utilizzando la modalità “Privacy Avanzata”. Questo significa che YouTube non installa i cookies preventivamente e non memorizza le informazioni sui visitatori della pagina web, a meno che non si riproduca il video, come riportato dalla guida di YouTube - YouTube Privacy Policy

(di anonimo del XIX secolo)

Semo de Roma nostra li mughetti
Semo romani e 'n più trasteverini
Nun è ppe di' semo li più perfetti
Cantamo tutti e semo ballerini
Se dice gente allegra Dio l'aiuta
E a noi ce aiuta e voi sape' perché
'Gni tanto 'na magnata e 'na bevuta
E tutto quanto er resto vie' da sè.

Semo romani, trasteverini
Semo signori senza quatrini
Er core nostro è 'na capanna
Core sincero che nun t'enganna
Si stai 'n bolletta noi t'aiutamo
Però da micchi nun ce passamo
Noi semo magnatori de spaghetti
Delle trasteverine li galletti.

Famo li pranzi mejio de Nerone
Bevemo er vino co' la cunculina
'N'abbacchio in quattro a noi ce va benone
E p'antipasto ognuno 'na gallina
'Na ciumachella che je brilla er core
Che tte vo' bene e nun te sa mentì
'Na serenata che sospira amore
E dimme amico come pôi morì.

Semo romani, trasteverini
Semo signori senza quatrini
Er core nostro è 'na capanna
Core sincero che nun t'enganna
Si stai 'n bolletta noi t'aiutamo
Però da micchi nun ce passamo
Noi semo magnatori de spaghetti
Delle trasteverine li bulletti.

Se dice nun è Roma de 'na vorta
Adesso ce so' troppi forestieri
E lasceli chiacchera' ma che tte 'mporta
Roma ritornerà quella de jeri
Venenno tutti a Roma certo è 'n vanto
La madre e er padre se faranno anziani
Li fiji nasceranno pe' 'n incanto
Nascenno qui che je crescheno romani.

Le siciliane con le toscane
Se 'mpareranno a parlà romane
Se chiameranno “Vie' giù a Marietta,
S'annamo a bbeve mezza foglietta”.
La veneziana, ch'è fumantina,
La chiameremo cor nome Nina,
E le baresi e le napoletane
Lasciatele passa' che so' romane!

Roma bella, Roma mia,
Te se vônno porta' via
Campidojo co' Sampietro,
Se vorebbero compra'
Qui se vônno compra' tutto
Pure er sole e l'aria fresca
Ma la fava romanesca
Je potemo arigalà
Ma la fava romanesca
Je potemo arigalà.