Questo sito utilizza soltanto cookies tecnici che non necessitano di consenso. Non raccogliamo altri dati personali sulla vostra navigazione. Se volete saperne di più andate alla pagina Cookie Policy

Seguici su 

I
Me pare jeri. Stavo ner casotto,
Quanto sento strillà'... Ched'è? m'affaccio,
Sangue de Cristo! Bum... te sento un botto
E me vedo cecà' dar carcinaccio.
«Ajuto... Moro... Ajuto...» S'era rotto
Er ponte de la casa e un poveraccio
Che stava sopra a riggiustà' un condotto,
Era cascato giù come 'no straccio.
Fu caricato sopra 'no straporto,
L'avessi visto! tutto sfragellato!...
'Rivamo a l'ospedale ch'era morto.
Lì a l'ospedale, drento a la saletta
De l'ambulanza, assieme ar delegato
Je cercassimo drent'a la giacchetta.

II
Dopo s'agnede a piazza de la Boccia
Da la moje e dar fijo piccinino,
Che aspettaveno lui sur portoncino
Per annà' for de porta a fà' bisboccia!
Urli, pianti... Che fu! Basta, er capoccia
De la fabbrica e io co' un questurino
Je lassassimo sopra a un tavolino
Quello che je trovassimo in saccoccia:
'Na pippa rotta, un metro, un fazzoletto,
Du' bijetti der Monte, du' cartate
De mózze e tre giocate ar numeretto.
Anzi, ner venì' via co' l'antra gente,
Lì, pe' scrupolo, furno rigiocate;
Ma, me ricordo, nun ce venne gnente.

III
Ma intanto, guarda si cos'è la vita!
Lei pareva morisse de dolore;
S'era ridotta un osso; era spedita...
E si la vedi mo, te pare un fiore.
E jeri venne qui tutta vestita
De festa, e dice: - A voi, sor Sarvatore,
Ve porto sti confetti. - Se marita?
Sposa domani un antro muratore.
Te capacita? Dopo tante doje...
E poi, no pe' di' male, Dio ne guardi!
Ma ar morto, lei, lo sai?, nun j'era moje.
Nun j'era moje? E er fio? - Casa Projetti
Ma come? L'hanno messo a li bastardi?
Cose der monno! - Damme du' confetti.

1887