Questo sito utilizza soltanto cookies tecnici che non necessitano di consenso. Non raccogliamo altri dati personali sulla vostra navigazione. Se volete saperne di più andate alla pagina Cookie Policy

Questa piccola chiesetta, situata all'incrocio tra la via Appia e la via Ardeatina, fu eretta nel IX secolo ma fu riedificata nel 1637 per volere del cardinale Francesco Barberini, a seguito di un violento temporale che quasi dieci anni prima la devastò insieme alla canonica. La tradizione vuole che sia sorta sul luogo dove Gesù sarebbe apparso a Pietro in fuga da Roma per scampare alla persecuzione di Nerone e, alla domanda dell'apostolo "Domine, quo vadis?", avrebbe risposto: "A Roma, per essere di nuovo crocifisso". Pietro, compreso il rimprovero, tornò sui suoi passi ed affrontò il martirio.

1 Pietra con le impronte di Gesù


Nella chiesa è conservata una copia della pietra (nella foto 1, mentre l'originale è nella basilica di S.Sebastiano) sulla quale si ritengono vi siano le impronte dei piedi di Gesù: probabilmente si tratta di un ex voto proveniente da un santuario pagano. A causa di questa pietra la chiesa ebbe varie denominazioni: "S.Maria delle Palme", "S.Maria in palmis", "S.Maria de palma", "S.Maria ad passus", "S.Maria ad transitum", "S.Maria del passo", nomi che conservò fino al XVII secolo quando assunse il nome attuale.