Questo sito utilizza soltanto cookies tecnici che non necessitano di consenso. Non raccogliamo altri dati personali sulla vostra navigazione. Se volete saperne di più andate alla pagina Cookie Policy

stadio al palatino

Lo Stadio è un edificio a forma di circo, cioè un rettangolo molto allungato con uno dei lati minori, quello meridionale, curvo. Costruito alla fine del regno di Domiziano, così come dimostrato dai bolli laterizi, e poi restaurato all'epoca di Adriano (specialmente nei portici) e di Settimio Severo (modificazioni dell'esedra), si estende lungo tutto il lato orientale della "Domus Augustana" su una superficie di m 160 x 48. Il suo perimetro era costituito da un portico a due piani: al piano inferiore, pilastri di mattoni rivestiti in origine, come tutto il resto, di marmo, dei quali restano solo le basi, mentre il piano superiore era costituito da colonne marmoree.

tribuna dello stadio al palatino
1 Tribuna


Al centro del lato orientale vi è una grande tribuna a forma di emiciclo (nella foto 1), sostenuta per un'altezza corrispondente a quella del portico, dal quale emerge, da tre ambienti aperti verso l'arena. La tribuna, oltre alla funzione di "palco imperiale", da dove cioè l'imperatore assisteva alle gare organizzate in suo onore, ospitava anche il rito del "lectisternium", con il quale le statue degli dèi, trasportate su lettighe, venivano religiosamente poste nella tribuna ("pulvinar") affinché anch'esse godessero dei giochi. L'arena era suddivisa, al centro, da una "spina", la tipica divisione longitudinale dei circhi, intorno alla quale giravano i carri: di essa restano soltanto gli elementi terminali, semicircolari. La funzione dell'edificio forse era quella di "viridarium" (giardino) e di maneggio insieme, come risulta anche dalla descrizione delle ville che ci ha lasciato Plinio il Giovane, spesso dotate di "ippodromi" privati, giardini a forma di circhi, utilizzati certamente anche per cavalcare. Va inoltre segnalato il piccolo recinto di forma ovale che occupa la parte meridionale dell'arena, risalente probabilmente all'epoca di Teodorico, forse utilizzato per le corse a piedi.