Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza ed offrire servizi in linea con le tue preferenza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla pagina Cookie Policy.

Avvertenza



La presente raccolta di rimedi simpatichi, come suole chiamarli il popolo, ed anche delle altre tradizioni che ho pubblicato o che sono in corso di pubblicazione in questa raccolta di «tradizioni popolari romane», sono il frutto di parecchi anni di assidue ricerche da me fatte vivendo in mezzo al popolo; e questi rimedi particolarmente io devo alle donne: poichè la scienza di curare qualsiasi malanno è generalmente riservata ad esse. Confesso il vero, mentre una trentina d’anni fa li raccoglievo, non immaginavo che un giorno mi sarebbero serviti a qualche cosa. Nel perdermi per lunghe ore tra quei chiassuoli, tra quelle viuzze anguste e fangose del Trastevere, non avevo allora altro desiderio che di far tesoro dei modi di dire o delle frasi più originali che avessero potuto interessarmi. In tali occasioni non di rado mi accadeva di udire ora il pregiudizio, ora il rimedio simpatico, ora la leggenda... ora una cosa, ora un’altra, di cui subito pigliavo nota; ma, ripeto, facevo ciò per semplice curiosità, e anche per quella vivissima passione che avevo ed ho per le cose che col popolo hanno attinenza. Tanto ero lontano in quel tempo dall’idea che siffatto materiale potesse interessare, all’infuori di me, altra persona: ed anche perchè ignoravo che già dotti ed illustri scienziati, quali il Pitrè, il d’Ancona, Salomone Marino, il Guastella, il De Nino, il Gianandrea, il Morandi, il Sabatini, il Menghini ed altri, attendevano con amorevoli cure a salvare dalle ingiurie del tempo questi documenti intimi della psicologia di un popolo.

* * *

Molti di questi stessi rimedi furono consigliati a me stesso da alcune vecchie commari, alle quali, mi accusavo di aver cento malanni come il Cavallo di Gonnèlla; e ciò facevo per destare in loro maggiore interesse e darmi così agio a bene imprimermeli nella memoria. Fra queste ricorderò sempre con vivo compiacimento le due vecchie proprietarie di un’antichissima friggitoria, le quali, prima che si costruisse la nuova via Cavour, avevano la loro bottega alla Suburra. Parte di questi rimedi empirici li devo a loro; moltissimi altri alla mia povera mamma; e altri pochi di essi mi sono stati forniti dell’immortale poeta Belli, per mezzo de’ suoi meravigliosi Sonetti romaneschi.

* * *

Se al lettore questi rimedi sembrassero strani o ridicoli, risponderò con un adagio tutto romanesco che dice: peggio nun è morto mai. Poichè per quanto strani e ridicoli essi siano, non raggiungeranno mai l’assurdità di alcuni rimedi di celebrità mediche dei secoli XVI, XVII, e perfino del XVIII secolo. Ad esempio nel secolo XVI Giovan Matteo Fabbri ne assicura che si giudicava il suono delle campane essere ricetta salutare contro il dolor di capo e si scrivevano opere di questa fatta: De dolore capitis sonitu campanarum sanato (!). Ed ancora nel 1759 il famoso Lemery, medico e chimico francese, insegnava che lo stercus humanus è digestivo, risolutivo emolliente, addolcente! E lo si prescriveva contro i mali di gola, contro l’epilessia, contro le febbri intermittenti, ecc. Disseccato, polverizzato e mischiato col miele, veniva applicato sui flemmoni, sugli antraci, sulle ulceri carbonchiose: ed era chiamato empiastro aureo! Ma ciò che sorpassa ogni immaginazione è che i vapori esalati dall’odorifera cottura erano raccolti con cura e servivano a fare un’acqua antioftalmica!... Basta: se questa mia breve raccolta troverà favore presso il pubblico (presso i dotti no di certo) lo dovrò forse allo studio che ho posto a purgarla dai pregi propri alle opere dello stesso genere, evitando note, chiose, confronti, citazioni e fin la parvenza della più lontana erudizione, poichè io non ho avuto la pretesa di offrire agli studiosi del Folk-lore un lavoro perfetto, ma soltanto un bbozzo di studio ed una traccia per chi voglia seguire lo svolgersi del popolo nostro.

Roma, dicembre 1907.



1. COME UNO S'ACCORGE CHE STÀ PPER AMMALASSE.
Quanno ve se fanno nere l'ógna de le mano, e cciavete l'occhi sbattuti e accallamarati, e la lingua spòrca, allora è ssegno che nun ve sentite troppo pe' la quale. Presempio, a le donne, quanno nu' stanno bbene, la féde jé s'appanna; e, ne lo spostalla un tantinèllo dar déto, ce se troveno sótto un cerchietto nero. Allora, a cchi pprème la salute, la prima cosa che ddeve fa', appéna nun se sènte sicónno er sòlito suo, è dde pijasse un bon purgante. De tutte le purghe, la ppiù mmèjo perché llava lo stommico, sbòtta, e pporta via 'gni cosa come la lescìa, è ll'ojo de rìggine. Quanno, sorèlla, una quarsìasi ammalatia che tte vó vvienì', trova pulito lo stòmmico, nun te pô ffa' ttanto danno nun solo, ma tte se leva d'intorno ppiù ppresto.

2. PE' GGUARÌ' DDA QUARSÌASI MALE.
In prìmise la cosa che òpra in sur subbito pe' gguarì' qualunque ammalatia, è la manna miracolosa de San Nicola de Bbari. Ma siccomme adesso è indificile a ttrovalla, com'era a li tempi mii, che sse crompava da li ciarlatani, accusì bbisogna fàssela vienì' appostatamente da llaggiù. Un antro sana-tòto, è ppuro l'ojo de le làmpene che àrdeno davanti a le sante immaggine de la Madonna de Sant'Agustino, de Santa Maria Maggiore, de San Giuvanni, de San Pietro, de San Pavolo, de Santa Cróce in Gerusalemme, e dde tante antre cchiese de Roma e dde fôra. Abbasta a intigne una pezzétta o un po' dde bbambace dentro quell'òjo miracoloso, e strofinàccese bbene bbene la parte ammalorcicata, pe' gguarì' pprima de subbito. Un antro arimèdio pe' gguarì' qualunque male, è la Triàca5 che in de li tempi mia faceva miracoli, e nun c'era cirùsico bbravo che nun ve l'ordinava.

3. PE' GGUARÌ' DA LI DOLORI PE' LL'OSSA.
Pijate una bbôna fatta de foje de sambuco e ccoprìtevece tutta la persona, una foja accanto all'antra tanto de sopre che dde sótto. Doppo invortateve bbene bbene co' 'na cuperta de lana, e tienétecela insinènta a ttanto che quéle foje nun se sùgheno tutto quer sudore che vve s'è arimbevuto. Fatta 'st'operazzione, v'assicuro che vve sentirete mejo. Pe' gguarì' dda li dolori pe' ll'ossa, dicheno che ffacci puro una mano santa a appricasse su la parte ammalorcicata, la pelle d'er gallo, der conijo o d'un agnèllo.

4. LA CURA DE LL'OCCHI.
Ce so' un sacco d'arimèdî uno mejo de ll'antro. Presempio pe' gguarì' la frussióne, bbisogna mettesse de qua e de llà dde ll'occhi, prima de le tempie, du' pezzetti de lèvito cuperti da du' pezzette tonne de scarlatto rosso. Quer lèvito s'attira er sangue e ll'occhio ve se schiarisce. Pe' la frussióne fa ppuro bbene, quanno se va a ddormì', d'atturasse prima l'occhi co' la ricótta che vve li rinfresca e li pulisce. Oppuramente, sempre pe' la frussióne, pijate una mollica de pane arifatto, méttetece un goccétto d'acqua e ttre ppìzzichi de gomma 'rabbica in porvere, impastate tutto quanto bbene bbene, e quanno l'avete aridotto come un inguento, spianatelo sopra du' pezzetti tonni de scarlatto rosso e appricateveli su le tempie. Quanno però sso' vventiquattr'ora in punto che cce l'avete messe, ni un minuto de ppiù ni un minuto de meno, state bbene attenta a staccàvvele, si nno' artrimenti, la forza potente che ccià la mollica dar pane ve poterebbe fa' storce l'occhi. O anche fate bbulle un po' de crimor de tartero, mettetece poi du' gócce de sugo de limone romanesco, e ffàtevece li sciacqui. Volènno, ve potete mette' du' mosche de Milano su' le bbraccia, una lèva e una mette. Sempre p'er medemo incommido, c'è cchi ppija un ôvo appena levato de sotto a la gallina, lo sbatte bbene, e quanno va a ddormì' se lo schiaffa su ll'occhi, e cce se lo tiè' ttutta 'na nottata. Apposta a li tempi de mi' nonna, bbon'anima, puro a li fiji maschi quanno nascéveno, je se sbucàveno l'orecchie come a le femmine, e je se mettevano l'orecchini d'oro. L'oro attaccato a l'orecchie, rischiara e rinfresca la vista e ttiè' llontani da ll'occhi tutti li malanni. Pe' ppijasse er male a ll'occhi, nun ce vô gnente. Tante vorte (e questo è vangelio!) abbasta a guardà' ffissa 'na persona che ccià ll'occhi ammalati per attaccasse er male. Dunque state bbene attenti a nun cascacce. E aricordateve poi che cciavemo, ner caso, un proverbio che ddice: "Gnente è bbono pe' ll'occhi". Pe’ gguarì’ qualunque male a ll’occhi, fa ppuro bbene a sciacquàsseli in de la tinozza indove li ferrari cé smòrzeno er ferro infôcato, oppuramente in de la tinozza indove li callarari cé sciacqueno li rami.

5. PE' GGUARI' DDA LA FATTURA CHE SSE CHIAMA "OCCHIATICCIO".
Pe' gguarì' da 'sta fattura che sse chiama occhiaticcio, oppuramente invidia, ecco u' rimedio sicuro sicuro. Pijate dodici ranocchie vive, mettetele drento una marmitta de ferro sbattuto, co' drento ttre sgummarelli d'acqua de pozzo, e ffatele allessà'. Allessate che sso', pijate quell'acqua, passatela in der setaccio, e quanno ve s'è arifreddata fatece li bbagnoli a ll'occhi. Se chiama l'acqua de zzompi de ranocchie. Bisogna sta' bbene attenta però che la marmitta sii de ferro sbattuto e cche l'acqua sii de pozzo si nnó e' rimedio nun fa gnisun affètto.

6. PE' FFASSE PASSÀ LA "FUGGITIVA".
Pe' ffasse passà' la fuggitiva o ddimo cacarèlla, o diarèlla come se chiama adesso, nun ce vô gnente. Pijate una bbella manciata de canipuccia e ppistàtela bbene bbene in der mortale. Fatto questo mettétela accusì ppistata in d'una pezza de bbucata. Poi pijate du' bbicchieri: uno pieno d'acqua, e uno vôto. Intignete la pezza co' la canipuccia drento ar bicchiere co' ll'acqua: quanno s'è bbene arimbevuta, cacciatela, e spremétela drento ar bicchiere vôto. Quéla spremitura bbevétevela e la diarèlla ve sparisce. Fanno puro bbene li fumenti calli, o a ttienesse la panza cuperta bbene co' la lana. Un antro arimedio è questo. Mettete un par de déta d'acqua in un bicchiere e sfragnétece drento u' llimone romanesco sano. Bevetelo, e mme saperete a ddì' si la fuggitiva nun ve se passa.

7. CONTRO L'"ORZARÒLI".
Quanno, puta caso, accanto a ll'occhi ve viè' uno de quela specie de pedicèlli che a Roma se chiàmeno orzaròli, l'unico rimedio pe' ffalli sparì' subbito, è quello de cucì' ll'occhio. O ppe' ccapisse mejo, de fa infinta de cucillo; perchè sse deve pijà' ll'ago infilato e ffa' infinta come si uno se cucisse l'occhio pe' ddavero. Oppuramente, abbasta a ffasse toccà' l'orzarolo da una donna gravida, pe' gguarì' lo stesso.

8. PE' LE STINCATURE, ROTTURE E SLOGATURE D'OSSA.
Comprate 'na bbôna fatta de códiche, raschiàtele bbene; poi pijate quela raschiatura e strofinàtevece bbene bbene, e pper un ber pezzo infinenta che nun ve dôle ppiù la parte che vve s'è rotta, stincata o slocata.

9. P'ER MAL D'URINA.
In prìmise, bbeveteve una bbôna bbullitura dé capélli de tútero, e vve sentirete subbito mejo; ma si a le vorte 'st'arimedio nun ve facesse affètto, fate un bell'impiastro de patate crude grattate e appricàtevelo bbello callo sopra ar pedignóne. Oppuramente, invece de le patate, un'impiastro de cipolle cotte su la bbracia e ppoi pistate, che ffa lo stesso affètto.

10. PE' FFA' PPASSÀ' LI DOLOR DE PANZA A LE CRATURE.
Dàteje due o ttre ccucchiarini d'acqua fatta bbullì' co' ddu' fronne de lattuga. Si ppoi li dolori je seguitassino, allora fateje un impiastrino de ruta pistata oppuramente de seme de lino e appricàtejelo sur bellicolo.

11. PE' FFA' SBURÀ' UN PEDICÈLLO O ANTRO.
Appricate sopre ar pedicèllo o ar bóbbóne un impiastrino de marva, ortica, palatana, e mollica de pane, e quello ve sbura subbito. Oppuro appricàtece sopre una o ddu' fronne d'erba grassa da la parte der dedietro.

12. PE' GGUARÍ' LE CRATURE DAR MALE DE LA "LUPA".
Quanno una cratura ve magna ve magna, e nun ve s'ingrassa mai, e anzi v'arèsta nèrcia e ssécca com'un ancinèllo, è ssegno che quéla povera anima de Ddio cia' er male de la Lupa. Allora pe' ffalla in sur subbito guarì' se porta dar fornaro e sse fa infornà'. Ecco come se fa. Quanno er forno è ppieno de pane (si nno' nun vale), l'infornatore tira la parata der forno, se pija in braccio la cratura, e la passa pe' ttre vvorte davanti ar forno, dicènno ogni vorta che cce passa: - Sfàmete, lupa!

13. PE' GGUARI' DA L'ONGINA.
Pijate 'na ranocchia e un po' de mortella, pistatele tutt'assieme insino a ttanto che vve viè' ccom'un impiastro o 'na specie de bbattuto. St'impiastro poi appricàtevelo bbene intorno ar collo e tienétecelo pe' vventiquattr'ora.

14. CONTRO LE 'MOROIDE.
Comprate un po' de ggèsso de Genova e ffatelo bbullì' drento 'na certa quantità d'acqua. Quanno quer gèsso è addiventato come una specie de fanga, appricatevelo sopra la parte e gguarirete. Oppuramente comprate tre oncia de bbutiro, un puzzonétto nôvo o ddimo una piluccia de còccio, poi pijate una ranocchia viva e mettetela in de la pila a ffrigge insieme ar butiro. Fritto che hanno mettetece drento un sordo d'occhio de grancio. Quanno s'è ttutto bbene arifreddato, vie' come 'na mantèca, che cce s'àpprica e sse strufina sopra a le moroide. Sibbè' ch'er mejo arimedio ppiù mmijore de tutti pe' scongiurà' er malanno de le 'moroide, è dde portasse 'gni sempre in saccoccia una bbôna castagna porcina. Pe’ preservasse dar male de le Moroide, ortre ar portasse in saccoccia una castagna porcina, fa ppuro bene a pportàccese un po’ ddé ceralacca o anche una cipolla.

15. CONTRO LI GGELÓNI.
Bagnateveli bbene bbene cor piscio callo, prima de ficcavve in de' lletto. Fatelo pe' quattro o ccinque sere de seguito, e vvederete che vve se passeranno. Pe' gguarì' li ggelóni fa puro bbene un impiastrino de marva cotta, o dde sarvia, oppuramente d'ajo pisto, o de mele cotte, de fravole mature o de farina de céci. Puro a ontalli cor ségo ce se prova rifriggerio. Si ppoi ve volete fa' ppassà' quer rosore che ddà ttanto torménto speciarmente a le crature, la sera prima d'annà' a lletto, mettete a scallà' un po' d'acqua, e poi mettetece li piedi a mmòllo per una diecina de minuti. Vederete che mmanosanta!

16. LA CURA A LI DENTI.
Pe' presevvalli da le cariatide e dda qualunque antro malanno, sciacquàteveli matina e ssera cor piscio callo. Er piscio serve puro a mmantienelli bbianchi e ppuliti. Je fa puro bbene la povere der pane abbruscato, quella der carbone pisto, la cénnere der sighero o er bicarbonaro in porvere. Pe' ffasse passà' o ccarmà' lo spasimo che ddanno li denti cariati, fa bbene a mettecce sopre un mozzone de sighero, o a sciacquasse la bbocca co' ll'acquavita. Un antro rimèdio, che ffa una mano santa, è questo: Pijate un osso de pèrsica, mettételo su la cennere calla a riscallà', e ppoi mettétevelo in bocca da la parte der dènte che vve dóle, e vvederete ch'er dolore ve se carma. Sibbè' che ll'unico arimedio, quanno queli bboja dènti dòleno, è d'annà' da padre Arsènigo a San Bartolomeo all'Isola, e de fasse mette' la radica ar sole.

17. PE' FFASSE PASSÀ' ER SINGÓZZO.
Bevete sette sórsi d'acqua senza mai aripijà' ffiato; e a 'gni sórso dite a l'imprescia a l'imprescia:
«Singózzo, singózzo
Vattene in der pózzo
In der pózzo e in de la funtana,
Ner core de chi mm'ama.
Si mm'ama se lo tiènga;
Si nun m'ama m'ariviènga».
Oppuramente pijate un tòcco de zucchero, mettétece sópre du' gócce d'acéto, masticàtelo bbene e poi ignottìtelo. Er singózzo lo fa ppuro passà' un sarto de pavura a ll'improviso.

18. CONTRO LA SCIÀTICA.
Pe' gguarì' da la sciàtica coprìteve infinenta che nun ve passa, tutta la parte ammalorcicata, co' lo schertro der somaro, o der bôvo. C'è ppuro invece chi cce s'àpprica sur dolore le tevole der tetto prima infócate e poi invortate in d'una pezza de lana. E cchi cce mette sopre un impiastro d'una certa erba che mmo' nun m' aricordo ppiù ccome se chiama.

19. CONTRO LE "PORCHERIE".
Se' chiàmeno porcherìe (resìpole) perchè si uno, sarvognóne, s'azzarda sortanto a smentuvalle, se le pô ffa' vvienì'; e si uno già cce l'ha avute, je pônno subbito aritornà'. E èccheve come se cureno. Se ségneno pe' ttre ggiorni de séguito co' la féde bbenedetta (l'anello nuziale), e in der mentre se ségneno sé dice quell'orazzione che incomincia:
«In nome de la Santissima Ternità».
'Sta funzione sé déve fa' la mmatina e la sera, a la levata e a la calata der sole. Sempre pe' gguarì' dda le porcherìe medéme, fa una mano santa a affacciasse la mmatina e la séra ar bucio der loco commido: e la mmatina dije: Bôna sera; e la sera dije: Bôn giorno. O anche sturà' er loco medémo e stacce cór grugno sopre, infinenta che uno ciarisiste. Porcherìa scaccia porcherìa. Pe' la resìpola fanno puro bbene le bbevanne de cremor de tartero, oppuramente quelle de marvóne e semprevivo mischiati insieme. A ppreposito de 'ste bbevanne, nun me vojo scordà' de dì', che 'ste bbevanne medéme, ortre a gguarì' la resìpola, guarischeno un antro sacco de malanni. Farete dunque bbene a ttienè' a ccasa, sempre pronti, tanto un po' de' crimor de tàrtero, quanto un tantino de marvóne e de semprevivo, e a la prima circostanzia, fanne uso. Un antro arìmedio che ffa ppuro bbene assai contro la risìpola so' li lavativi d'acqua de capomilla e dde fónghi. A ppreposito de lavativi, tieneteve bbene a la mente che:
«Dieta e sservizziali,
Guarìscheno tutti li mali».

20. PE' NUN FA' SPELLÀ' LA SCHINA A CCHI STA IN UN FÓNNO DE LETTO.

Pe' nun fa' spellà' la schina a quelli poveri ammalati incurabbili condannati a sta' in d'un fónno de' letto e ssempre in d'una posizzione, bbisogna metteje sotto a' llètto u' recipiènte quarsiasi pieno d'acqua calla bullita cor sale grosso. Ortre a nun faje spellà' la schina, quell'acqua cura puro li decûpise che vviengheno a queli poveracci che stanno, come dicevo, sempre in d'una medema posizione.

21. PE' LI DOLORI DE PANZA.
Beveteve un par de déta d'ojo d'uliva drento un mezzo bicchiere d'acqua de marva e vvederete che ddoppo un tantinèllo li dolori ve se passeranno. Fa puro bbene a allongasse su' lletto a bbocca sótto. Fate bbullì' assieme un po' dd'orzo e ssémmola; poi mettetece drento un'oncia d'ojo de riggine. Bevétela la mmatina a ddiggiuno e li dolori ve se passeranno. 'Sto medémo rimedio fa ppuro bbene p'er male d'urina; sortanto che vva bbevuto co' ll'acqua de gramiccia. Però si finènta che ccampate nun volete mai soffrì' de dolor de panza, èccheve u' rimedio sicuro e cche nun ve costa gnente. Quanno sémo a li primi der mese de Marzo, ècco sì che ccosa avete da fa'. Pijate e arotolàteve pe' quattro o ccinque vorte per tera, anche vestito come ve trovate, e state puro sicuro che infinènta che nun ve n'annate a barachaimme nun soffrirete ppiù nemmanco d'un dolor de panza.

22. CONTRO LI DOLOR DE RÉNI.
Comprate un sordo o dua de lardo de pórco maschio, strufinàtevelo bbene e pper un ber pezzetto su la parte che vve dôle, e vvederete che ddoppo un po' dde tempo ve sentirete arifiatato. Va con sé, che avete d'avè' ccura de coprivve li réni co' 'na pezza de lana ariscallata.

23. PE' GGUARÌ' DA LE PANNARICE.
Precuràteve un tantino de tàrtero de bbótte, poi comprate un bajòcco d'éllera, e ffàteli bbullì' assieme, drento a una piluccia de còccio. Bullito che hanno fateli sta' tutta una nottata de fôra de la finestra, a la seréna. La mmatina appresso, a ddiggiuno, sciacquateve la pannarice co' quela bbullitura; e a ccapo a tre o quattro ggiorni de 'sta cura, guarirete.

24. P'ER MALE A LA MIRZA.
Bisogna portà' la persona che è ammalata de mirza in d'un sito andove lei nun ce sii mai passata. Come presempio in quarche parte de la Campagna romana. Arivati che ssaréte llì, l'ammalato deve fa' dda sé un bbella bbucia pe' ttera. Un passo addietro. Me so' scordato de divve che l'ammalato se deve portà' co' ssé un ber pèzzo de mirza de vaccina. Fatta dunque che ha la bbucia che vv'ho ddetto, l'ammalato ce deve mette drento da se, quer pezzo de mirza che ss'è pportato; poi deve aricoprì' la bbucia co' la stessa tera; e una vorta cuperta ce deve fa' ssopre una bbôna pisciata. In pochi ggiorni, doppo fatto 'st'arimedio, state puro certo ch'er dolore a la mirza je passerà der tutto.

25. P'ER CATARRO INTESTINALE.
Annate dar sempricista e ffateve da' ddodici bbajocchi de scorza de semirubba. Comprata che l'avete, fatene quattro parte, perchè 'sta cura se deve fa' ppe' quattro ggiorni. Precuràteve un puzzonetto de coccio nôvo o ppiluccia che ssia, mettetece drénto un mezzo d'acqua e una parte de la scorza, e ffateli bbullì' ar fôco, insinenta che dde quell'acqua ce n'arimànino tre o quattro déta. Mettétela la notte a la seréna, e bbevétevela la mmattina a ddiggiuno, pe' quattro, ggiorni; ma un giorno sì e un giorno no. State bbene attenta però che la pila sii de còccio si nno' nun vale; e a ccapo a li quattro ggiorni de 'sta cura, chiamàteme bboja si nun ve guarirete.

26. CONTRO LI PÒRRI.
Pe' llevasse l'incommido de li pòrri nun ce vô gnente. Annate dar pizzicarôlo, comprate un ber pézzétto de códica, e strufinàtevece bbene bbene tutti li pòrri che cciavéte sii pe' la vita che pp'er viso. Fatta 'sta funzione pijate quela medema códica e annatela a bbuttà' in d'un sito, indove, doppo che cce l'avete bbuttata, nun ciavete da passà' ppiù in tutto er tempo de la vita vostra; perché si cce passate li porri v'aritorneranno e nun ve passeranno ppiù. Quanno poi quela códica medema che v'ha sservito se sarà seccata der tutto, allora li porri che ciavete ve se ne cascheranno da sé. Si nnó strufinàteve sopra a li porri un cécio o un faciolo che ddev'èsse rubbato, si nnó nun vale; eppoi bbuttatelo in der gèsso. C'è ppuro chi li lega cor un'accia de filo de seta crèmisi (attenta bbene ch'er colore sia cremisi!) infinènta che nu' jé sé seccheno e ppoi jé càscheno da loro. Un antro arimèdio pe' fa' spari' li porri è quello de daje un'abbagnatina pe' ddue o ttre vvorte co' quer sangue de quanno la donna cià le cose sue. Oppuramente comprate un mazzétto de radicétte e strufinatevele bbene su li porri diverse vorte e ppe' ddiversi ggiorni. Quanno ve sete servìto de quer mazzetto, mettetelo a sseccallo ar sóle. Una vorta seccate le radicétte, puro li porri se séccheno e vve càscheno.

27. PE' GGUARÌ' DDAR PALLONE O GUÀLLERA CHE SSIA.
Pe' ffa' ppassà' er pallóne a le craturélle in fasciola, la prima cosa è dde metteje subbito er cintarèllo o un sospensorio. In der medemo tempo però, bbisogna che la madre che l'allatta, se magni, pe' ssette o otto ggiorni in fila a la mmatina, a ddiggiuno, un spicchio d'ajo. E in poco tempo, state puro certi, ch'er pallóne piano piano je s'aritira e je sparisce. A le persone granne je fa bbene a appricàccese sopre, pe' 'na quinnicina de ggiorni, un impiastrino de péce da carzolaro.

28. P'ER LATTIME.
Pe' gguarì' e' llattìme a le crature ecco come se fa. Se compra da 'na cicoriara un sòrdo d'erba minchiona, se fa bbullì', e poi quell'acqua se dà pe' bbocca a la cratura ammalata. Sta cura che vv'ha ffatta pe' quaranta ggiorni de seguito, la guarisce de sicuro.

29 . CONTRO L'ARIDROPISIA.
Fateve dà' ddar sempricista quela ràdica (che nun so ccome se chiama) che ccià ll'occhi, er naso, la bbocca, le bbraccia, e le gamme come un cristiano, fatela bbulle in d'un puzzonetto de còccio, pieno d'acqua, bbevetevela pe' 'na ventina de ggiorni, la mmatina a ddiggiuno, e gguarirete.

30. PE' LE SCRÓFOLE.
Pijate un po' de schertro de bbove ffrésco, mettetece un po' dd'acéto, facennóce come un impiastro. Fatto questo, spannétene un po' sopra una pèzza, e appricàtevelo su le scrófole. Doppo diverso tempo che cce lo tenete, cambiànnolo, se capisce, de tanto in tanto, vederete che le scrófole ve guariranno. A preposito. 'Sto medemo impiastro de schertro de bbove fresco co' l'aceto è ppuro bbôno per ammorbidì' gónfiori, bbòzzi, bbobboni, pedicèlli, eccètra, eccètra.

31. CONTRO LI GONFIORI, LI BBÒZZI E LE FERITE.
Ammalappena una persona riceve una bbastonata, un pugno, o anche una ferita, llì ppe' llì, je fa subbito bbene a mmettecce una bbrava chiarata d'ovo sbattuto, oppuramente un po' d'amido fatto a impiastro o un po' dde strutto sopra un pezzo de cartastraccia. Jé fa ppuro 'na mano santa a appricacce er cerume de l'orecchia, o anche un impiastrino fatto co' la porvere da sparo e ll'acquavita. Anzi giacché v'ho smentuvato la porvere da sparo, bbisogna che vv'avverti che u' rimedio mejo pe' guarì' ortre a li bbòzzi, li gonfiori, ecc., puro li sfoghi de la pelle e tanti antri malanni, nun se trova.

32. ER BARSIMO DER SUDARIO.- LE BBRUGNE DE CESANÈLLI.
'Sto bbarsimo che se chiama der Sudario perché da tanti anni se vénne a Roma in via der Sudario, da un cèrto Pàperi che l'ha inventato, è una mano santa pe' gguarì' quarsiasi ferita, bbozzo, pannaricia, bobbone, giradétto, pedicèllo, accojitura, ecc., in quarsiasi parte der corpo. Bbisogna insomma provallo pe' ppersuvadesse sì cche mmiracoli è bbono a ffavve vede. Le Bbrugne de Cesanélli ereno certe bbrugne purgative inventate dar sor Cesanèlli, un bravo spezziale che anticamente ciaveva la fermacia a la Ripresa de Bbarberi. A ttempo mio a cchi je stommicava l'ojo de riggine, la sènna-e-mmanna o quarch'antra purga, annava da Cesanèlli, se mannava ggiù una bbrugna de quelle o anche dua, e era bbello che ppurgato.

33. PE' GGUARÌ LE GRÀNDOLE.
Precuràteve quell'erba a mmazzettini che ffa ppe' li tetti, e cche se chiama, me pare, la Pimpinélla. Poi pijate una fétta de lardo e ppistatela bbene bbene assieme a quell'erba. Una vorta pistati, fateli suffrigge in d'una padèlla E cco' quer grasso che càcceno ognétevece bbene le grànnole o dder collo o d'antro, insinenta a ttanto che le grànnole nun ve se guarischeno. Oppuramente pijate un po' dde merollo de crastato e un tantino d'erba cicuta, fateli scallà' a ffôco lènto lènto; poi passateli drento una pezza de bbucata, e riponeteli in d'un bicchierino. La sera, prima d'annà' a lletto, ognétevece bbene le grànnole, e appricatece sopre un bajocco o du' bbajocchi de rame per ognuna. Seguitanno pe' diverso tempo 'sta cura, nun solo le gràndole ve se n'anneranno via, ma nun ve schiopperanno nemmanco.

34. PE' FFA PASSÀ' L'ETIRIZZIA O MALE DE FEGHETO.
Pe' gguarì' da l'etirizzia, voi nun avete da fa' antro che dde damme udienza a mme, che cce n'ho guarite tante che mme so' arimaste disubbrigate de la vita. È 'na cosa da gnente. Domani a mmatina pijate un ovo fresco vivo, poi agguantate una cìmicia e bbell'e vviva come se trova, schiaffàtela drento a ll'ovo, e bbevétevelo a ddiggiuno. Nun me chiamate ppiù ccommare, si ddoppo domani, l'etirizzia nun ve s'è ppassata! Oppuramente fate bbollì' un po' de gramìccia, de terra fojola de tartero, e de cicoria de rebbarbero. De 'sta bbullitura bbevetevene un cucchiarino 'gni ora pe' quarche ggiorno, e vvederete ch'er male ve se passerà.

35. PE' L'INFIAMMAZZIONE DER CORPO.
'Sta cura fa bbene tanto pe' le crature che ppe' la ggente granne. Pijate dunque un ber pezzo de rete de castrato, appricatevela sur corpo, e ccercate de tienéccela pe' ddue o ttre nnottate che l'infiammazzione ve se passerà. Oppuramente fate bbullì' assieme un po' dd'orzo e un po' dde sémmola. Bullito che hanno sversatelo in un bicchiere indove ce sii un'oncia d'ojo de rìggine, e bbevetelo. Per un regazzino la metà de 'sta bbevanna abbasta.

36. PE' LA SDILOMBATURA.
Bisogna che l'ammalato se metti steso lóngo a ppanza per aria sopra a 'na tavola da letto che starà appoggiata a li du' capi su ddu' zoccoli o ddu' ssediole bbasse. Intratanto ch'er malato stà accusì steso longo, una femmina che nun sii però ni una su' parente, ni una donna de casa de lui, se deve arzà' un tantinello la vesta, e sse deve mette a ccavallo a la tavola indove stà er malato, e ddritta in piede i' mmodo che ppossi camminà' in in su e in in giù. Fatta 'sta funzione, se deve arivortà' ar pazziente che ccià ssotto ar cavallo, e ssempre camminanno in su e in giù, je deve di' 'ste parole precise:
DONNA - Omo perchè tte sdilombassi?
OMO - E ttu perché accoppiassi?
DONNA - Perché ppiacque a la Vergine Maria: che che 'sta sdilombatura le se ne vadi via.
'Sto rimèdio è ttanto mai sicuro che nun passa er giorno che uno l'ha ffatto che ggià nun se senti mejo. Er giorno appresso poi pô sta' ppuro certo che si stava a' lletto s'arza e se ne pô ppuro annà' p'er vantaggio suo.

37. PE' STAGNÀ' ER SANGUE CH'ESCE DAR NASO.
Ce so' un sacco d'arimedi uno mejo de ll'antro. Se fa una croce cór un zéppo e sé mette in testa a la persona che j'èsce er sangue dar naso. Oppuramente co' la féde (l'anello nuziale) je se ségna una croce in testa. O anche sé fa mmette la persona che ccià er sangue che je cola dar naso, su le punte de li piedi, e cco' le du' mano arzate e arampicate ppiù cche pô ssu p'er muro, insino a ttanto che nu' je sparisce er sangue. Certe vorte er sangue se stagna arzanno su le du' bbraccia. Presempio: si er sangue ve viè' ggiù dda la fròcia dritta s'arza su er braccio dritto; s'invece ve cóla da la fròcia mancina allora arzate er braccio mancino. Fa ppuro bbene a cchi je cóla er sangue a bbuttaje a ll'improviso un po' dd'acqua fredda de dietro ar collo. Quell'impressione je lo stagna in sur subbito.

38. GRAVIDANZA, PARTO, VOJE, PERICOLI, ECC.
Tanto la gravidanza come er parto vanno co' la luna, ossia cor calà' o ccor cresce de la luna. Quanno a 'na donna jé vièngheno sforzi de' stommico, la mmatina appena arzata, o ggiramenti de testa o la sputarèlla1, oppuramente antri disturbi, allora s'accorge d'esse arimasta incinta. Allora bbisogna che stii bbene attenta a ttante cose che ppàreno sciocchezze, e invece so' ccose serie pe' ddavero. Presempio, quanno jé viè' vvoja de magnà' quarche ccosa, bbisogna che se la manni a crompa e sse la magni subbito; si nnó, pô abbortì' o ner peggio caso quanno partorisce fa' la cratura cor segno o su la faccia o sur corpo, de la voja che llei nun s'è llevata. Anzi er segno de la voja je viè' ar posto priciso der corpo indove la madre scavusarmente se' tocca co' la mano mentre je pija la fantasia e cche nun se la lèva. Stii a la lèrta la mmatina malappena s'arza, pe' pprima cosa, de nun guardà' quarche mmostro o quarche ppersona bbrutta, si nnó (in der primo mese de gravidanza speciarmente), quanno la cratura nasce je poterebbe arissomijà'. Apposta, massimamente in cammera da letto, de le primaròle2 ce sta bbene quarche bbella pupazza o quarche bber quadro, i' mmodo che la mmatina, appena sveja, je ce vadi l'occhio. Senza contacce poi che la vista d'un ômo bbrutto e sformato je poterebbe fa' ttale impressione da falla abbortì'. Un'antra cosa. Siccome quanno la donna è ggravida, deve fa' quarche ccascata de sicuro in de la gravidanza, sii pe' le scale o in antri siti, stii bbene a la lerta quanno cammina indove mette li piedi, e vvadi, come se dice, co' ll'ojo santo in saccoccia. In de la gravidanza cerchi de nu' sta' mmai co' le gamme incrociate, si nnó a la cratura je se pó intorcinà' er budello intorno ar collo. In der nono mese de gravidanza, affinchè er parto rieschi bbene, speciarmente si è pprimaròla, la donna incinta deve annà' da li frati de la Ricéli a ffasse bbenedì' la panza dar Santo Bambino ch'è ttanto miracoloso. E appena è entrata in der mese se deve caccià' ssangue.

39 . SI FFARÀ MMASCHIO O FFEMMINA, ECC.
Si la donna quann'è ggravida cià la panza pizzuta allora fa un fijo maschio de sicuro. Lo dice infinenta er proverbio:
Panza pizzuta, fijo maschio.
S'invece cià la panza tónna allora farà una fija femmina. E una femmina farà ppuro, si in der tempo de la gravidanza je seguiterà a ddôle uno de li fianchi. Sibbè' che un proverbio antico nostro dichi:
"Carne inzaccata,
Mar giudicata".
Si la donna gravida magna assai minestra, farà un fijo co' la testa grossa. Le donne che sòffreno de bbrucior de stommico, fanno li fiji cor un sacco de capélli. Si a la cratura ch'è nnata, dedietro a la capoccétta je ce trovate un ciuffétto de capélli fatto a ppizzo, è ssegno che un antro fratelluccio che je vierà' appresso sarà de certo u' mmaschio.

40. ER PARTO.
Le primaròle speciarmente, ariveno indificirmente a ffinì' le nove lune; e, nnove casi su ddieci, tutti li parti se fanno sur fà', sur calà' dde la luna, o a lluna piena. Ammalappéna jé pijeno le dòje, bbisogna accènne la làmpena d'avanti l'immaggina de S. Anna che sse deve tienè' ssur commó in cammera de la partorènte. Mentre stà cco' le doje, è mmejo ch'er marito stii, si nnó ppropio in cammera, armeno drento casa, accusi llei sta' ppiù ttranquilla e ppartorisce mèjo. Ammalappéna ha ppartorito, pe' nun daje dispiacere, è mmejo che cchi l'assiste (e le mammane lo sanno tutte) nu' je dichi llì ppe' llì, si ha ffatto maschio o si ha ffatto femmina; perché si er fijo nu' j'è nnato o ffemmina o mmaschio come la partorènte lo desiderava, je pó ffa' mmale.

41. DOPPO PARTORITO - LA FREBBE DER PÉLO - L'USCITA IN SANTISE.
Doppo er parto, a la partorènte, je' viè' la frèbbe der pélo, ossia la frèbbe de la separazione der latte o der calo der latte. Sicché lei deve stà uno o ddue giorni senza magnà; se deve purgà co' ll'ojo de rìggine, e ddeve sta' cco' le gamme incrociate pe' ppavura de li córsi de sangue. Pô mmagnà quarche mminestra de pan grattato e bbeve, quanno ha sséte, antro che acqua panata. C'è cchi ffra lletto e ccammera stà quaranta ggiorni prima d'uscì dda casa; ma queste so' ccaricature de le signore. Quanno la donna ch'ha ppartorito stà a lletto cinque o ssei ggiorni, j'abbàsteno e j'avànzeno. A la cosa invece che ddeve sta' bbene attenta, insino che nun passeno li quaranta ggiorni, so' le puzze de quarsìasi ggenere che je metteno in pericolo la vita. Apposta è mmejo che in cammera sua ce sii sempre pronto un ber vasétto de matricala, e la partorènte ne deve tiene' ssempre quarche frónna in de le fròce der naso. La prima vorta che la donna esce da casa, doppo partorito, deve annà in chiesa a ppurificasse. Er prete la bbenedice co' ll'acqua santa; e llei ringrazzia la Madonna e Ssant'Anna de la grazzia che j'hanno fatta e j'offre una cannéla. St'uscita de la provèrpera co' la visita a la cchiesa, se chiama l'uscita in Sàntise.

42. CHI NNASCE AFFORTUNATO.
Si la cratura nasce co' la camicia è sségno ch'è nnata affortunata. Allora quéla camicia nun bisogna perdéjela; sì nnó jé sé perde la furtuna. Jé sé lèva, sé piega bbène, sé mette in d'una bborsettina, e je s'attacca ar collo cor una féttuccia i' mmodo che ssé la porti co' ssé insinènta che ccampa. A le femminucce, pe' ffa' i' mmodo che quanno so' ggranne siino affortunate pijanno marito, c'è un rimédio spiccio spiccio. Jé sé dà 'na bbona inzuccherata fra le gammétte (propio, pe' ccapisse, sotto ar cavallo). Accusì quanno so' ggranne, l'ommini jé vanno apprèsso come le lape, e ttroveno subbito a mmaritasse. Tanto vero che a quele regazze che ssé mariteno prèsto e bbene, je se dice pe' pprovèrbio: Eh cche ciai mésso er zucchero, ciai messo?!.

43. ER BATTESIMO.
Bbisogna portalli a bbattezzà' ppiù ppresto che sii possibbile. Er primo fijo s'ausa a pportallo a bbattezzà' a San Pietro. Mentre se bbattezza er compare o la commare ner di' er Crédo, bbisogna che stii bbene attenta a nu' sbajasse; perchè si sse sbaja, quela póra cratura in vita sua sarà ttormentata da le streghe.

44. DOPPO ER BATTESIMO.
Ammalappéna la cratura è stata bbattezzata, abbadate bbène de nun bacialla su la bbocca, perchè si nnó soffrirà ssubbito de vèrmini. La mammana in de' riconsegnà' la cratura a la provèrpera je deve di': «Me l'avete dato pagano e vve l'ariconségno cristiano».

45. PE' TTIENEJE LONTANO L'OCCHIATICCIO O ER MALOCCHIO CHE SII.
Je s'attacca subbito ar corpettino de la spalla a dritta una catenella d'argento cór pélo der tasso, er cornetto, er campanèllo, pe' ttieneje lontane le streghe, ecc., e la ciammèllétta d'avorio, indove la quale la cratura ppiù in i' llà, ce s'acciaccherà e cce se roderà le gengive ar tempo de la dentizzióne. A la medema catenèlla ce s'attacca pure un agnns-deo, che sserve a tteneje lontani tutti li malanni.

46. CURE CHE S'HANNO D'AVÈ' A LE CRATURE.
Nun bisògna mai bbacialli sur collo si nnó je se fa pèrde er sònno. La prima cosa che je se' déve dà' ppe' ppurga è la savonèa. Insinènta che la cratura nun finisce un anno d'età, nun bisogna spuntaje l'ógna a le detine, si nno quanno so' granni divènteno lombétti. Sino che nu' spunteno er primo dènte, nu' jè se deve mette, anche pe' ruzza, un cappèllo da òmo in testa, si nnó li denti je vieranno néri e radi. Er sangozzo jé fa ccresce er core, e er pianto jé fa bbèlli l'occhi. A le crature nun bisogna menàje in testa co' le canne; nun bisogna faje traversà' da 'na parte a ll'antra li tavolini; nun bisogna fàsseli passà' fra le gamme; e nun bisogna pesalli, si nnó artrimenti, cureno e' rìsico de nun cresce de statura. Quanno sé loda una cratura e che ppresempio je sé dice: Come stà ggrassa e ggrossa; come stà bbene, ecc. ecc., bbisogna puro aggiuntacce: Che Ddio la bbenedichi, si nnó je se pó ffa' er malocchio. Quanno fanno la cacca per tera, in der fà' la pulizzia, nun bisogna bbuttacce la cénnere sopra, si nnó, povere crature, jé viè' la sciòrta.

47. PE' FFA' SSI CCHE PPARLINO BBENE E SVÉRTI.
Ecco quello che ss'ha dda fà'. Er primo pidocchio che je s'acchiappa su la testina, si la cratura è ffemmina, je se deve acciaccà' su la padèlla; si è mmaschio je s'acciacca sopra er callaro. Si pperò uno jé ló sfragne sopra una moneta d'argènto, è mmejo perchè accusì quanno so' ggranni, ciaveranno la voce forte e bbella.

48. ALLATTAMÉNTO.
Quanno du' donne allàtteno, e cche una de loro in der magnà' e bbeve, l'offre a quell'antra, e quélla accètta; a quella che s'è llevata er magnà' jé sparisce e' llatte. Avviso a le donne che allèveno!
Un proverbio nostro dice:
«E' llatte vié' ppe' le minèstre,
E nô ppe' le finestre».
Vorebbe ciovè intenne che la donna che allatta bbisogna che sse nutrischi bbene. Si a le vorte la donna che allèva cià ppoco latte, ecco come se lo pó ffa' ccresce: Va ar convento de li Cappuccini, arimèdia un po' dde queli tozzi che j'avanzeno a ttavola a li frati, se li porta a ccasa, l'ammolla bbene in de ll'acqua, e sse li magna. E ddoppo vederà' ccome jé cresce e' llatte! Quanno la cratura in de lo zzinnà' mozzica er caporèllo a la madre, è un brutto ségno. Quanno sarà granne sarà' cattivo e bboja; sicché insinènta che ccresce bbisogna tienello d'occhio. Nneróne infatti perchè addiventò un Neróne? Perchè quanno zinnava, nun faceva antro che mmózzicà' er caporèllo a quéla poveraccia de la madre!

49. DENTIZZIONE, INFANTIJOLI, ECC.
Quanno la cratura principia a spuntà' li dentini, allora soffre o dde calore o de stitichezza, e ccerte vorte puro de vormijoni o infantijoli che siino. Sarà poi strana tanto de ggiorno che dde notte. Bisogna avecce allora una gran pacenza; e ffaje tutte le cure che sso' dder caso. Si presempio le crature spunteno li denti a quattro o ccinque mesi d'età, nun è ttanto bbon ségno; perchè er proverbio dice:
«Chi ppresto addénta
Presto sparènta».
Pe' scongiuraje l'infantijoli je fa una mano santa l'acqua de Piedemarmo, che a ttempo mio se venneva a la fermacia de li Domenicani in via de Piedemarmo. Quanno la cratura stà sbattuta assai je se dà ogni tanto un cucchiarino de quell'acqua che jé fa 'na manosanta. Un'antra cosa che ppuro jé fà bbene assai e cche io la proferisco a ttutti l'antri arimèdi è questa. Ammalappéna la cratura è nnata, dàteje pe' bbocca una góccia de sangue de tartaruga, e vvederete che cco' llei l'infantijoli nun ce l'appònno ppiù infinènta che ccampa.

50. QUANNO SE DÉVENO SLATTÀ'. PE' MANNÀ' VVIA E' LLATTE A LA MADRE.
Quanno la cratura ariva a ttoccasse cor piedino la bbocca è sségno che ss'è bbevuta un barile de latte; allora è ttempo de levaje la zzinna. C'è cchi je dà la zzinna insino a ddu' anni; ma nun va bbene, perchè a la cratura jé fa ppiù ddanno che antro; senza carcolà' tutto er male che ne risènte la madre. Dodici mesi de zzinna so' ppiù cche ssufficienti. Bbisogna slattalli o ssur principio de la primavera o ssur comincio der freddo. E ppe' ffaje scordà' ssubbito la sisa bbisogna levàjela un giorno de vennardì. Je se mette sur caporèllo un po' dde cerumze de l'orecchia ch'è amaro, o sse tigne co' ll'ónto de la padèlla. Quanno la cratura se va per attaccà' che ssènte quell'amaro, o vvede quer néro se spavènta, e je passa la voja de zzinnà'. Se fa quarche pianto amaro llì ppe' llì; ma ddoppo un giorno o ddua je passa e nun ce pensa ppiù. S'intènne che la madre, prima de levaje la zzinna j'averà a mmano a mmano imparato a mmagnà' la pappétta co' ll'ojo o ccor broduccio èccetra èccetra; in modo che una vorta che j'ha llevato e' llatte, la cratura se possi sostienè' co' ll'antro da magnà'. Pe' mannà' vvia è' llatte a la madre. Pijate un po' de capervènere e ffatelo bbulle assieme ar cremor de tartero. De 'sto decotto la madre ne deve bbeve ppiù che j'è ppossibbile, e ne vederà l'affetto. Se capisce che in der frattempo deve magnà' poco: gnente maccaroni e gnente carne, antro che erba. Pe' llevasse poi l'infiammazzione a le zzinne, pijate un po' dde fiori de sambuco, un po' de riso e llatte. Fate bbulle tutt'assieme, insino che diventa come 'na pulentina. Allora mettetece anche un cinìco de bbutiro e ognétevece le zinne e er caporello, insino a ttanto che nun ce trovate mijoramento.

51. ORA DE DAJE LI PIEDI.
Quanno la cratura ariva a ttoccasse li piedini co' le manine, è sségno ch'è vvienuta l'ora de daje li piedi, ossia de levaje l'infascio e dde carzalli e vvestilli. Anche li piedi s'ausa a ddajeli o sur comincio de la primavera o de l'avutunno. Una bbôna occassione pe' ddàjeli, è er giorno der sabbito santo, propio in der momento che sse sciójeno le campane.

52. LI SANTI PROTETTORI DE LE CRATURE.
Quanno so' grandicelli li regazzini so' protètti da Santa Pupa; ma quanno so' cciuchi da latte er protettore de loro è San Todoro, che a Roma veramente lo chiamamo Santo Tòto. Sicchè ammalappena se sènteno male, povere anime de Ddio, portalle subbito in chiesa a Ssan Todoro, e ffalle bbenedì' co' la relliquia der Santo, è dde ppiù che un dovere de la madre. Tanto ppiù che San Todoro ortre a le crature da latte, protegge puro le donne che allèveno.

53. P'ER CALORE E LA STITICHEZZA DE LE CRATURE.
Pe' gguarì' er calore e la stitichezza a le crature, comprate un sordo de trippétta de quella che sse dà ar gatto; fàtela bullì' in de ll'acqua per un'oretta e ppoi fàtejece li lavativi. Quell'acqua je porta via er calore, e je rènne ubbidiente er corpo. Le femmine speciarmente soffreno ppiù de calore de li maschietti, perchè quanno nascheno, se porteno via tutto er maruvano der calore che ccià in corpo la madre. Pe' cchi va stitico, sii ômo o donna d'età, je fa una mano santa la triaca.

54. QUANNO JE DOLE LO STOMMICUCCIO.
Quanno la cratura ha ppochi mesi, è assai facile ch'e' llatte je s'ammalloppi su' lo stommicuccio e je l'imbarazzi. In 'sto caso lei piagne e sse stranisce perchè nun pó diliggerì'. Allora mettete a scallà' un par de déta d'acqua cor un po' dde zucchero, dàtejene quarche ccucchiarino, e vvederete che vve se quieterà, perchè quell'acqua je farà ppassà' l'indiggestione. Per infortille, le crature, e anche pe' ttieneje lontani li vermini e ttanti antri malacci, nun è mmarfatto a ttieneje ar collo una collana de spicchi d'ajo. L'ajo, diceva la bbon'anima de mi' nonna, ce sarva da mille malanni.

55. PE' LA RUFA CHE VIÈ' IN TESTA A LE CRATURE.
Quela rufa che je fa in testa, poveri ciuchi, è mmejo a nu' llevàjela; perchè si nnó je se pô fa' ddanno ar cervelletto. Pe' ffàjela ammollà', je s'ógne tutte le mmatine cor un po' dd'ojo de mmànnola dórce. Poi quanno er cervèllo je se chiude, quela rufa se sécca e jé casca da sé. Oppuramente se pijeno un po' de foje de persica e se fanno bulle in dell'ojo d'ulivo drento a 'na piluccia. Quanno quele foje se so' ingiallite se bbutteno, e cô quell'ojo ce s'ogne la cratura su la testa la sera e la mmatina.

56. PE' FFÀ RIPOSÀ' LE CRATURE.
Se pija un spicchio de papàvero, nun più dd'uno, jé sé lèveno li sémi, e sse mette a bbullì' in d'una piluccia, co' ddu' deta d'acqua e un filetto de zùcchero. C'è invece chi in cammio der zùcchero, ce mette l'ojo de mmànnola dorce, che è lo stesso. Quanno ha bbullito, de quélo sciroppétto che sse forma, se ne dà uno o ddu' cucchiarini a la cratura, quanno sta a lletto e cche nun pô attaccá' ssonno.

57. SÉGNO CHE LE CRATURE NU' STANNO TROPPO PE' LA QUALE.
Quanno a 'na cratura li capellucci de dietro a la capoccétta je sé fanno duri e arsi come la stoppa, e je stanno dritti che nu' je se ponno guasi pettinà', è sségno che la cratura nun se sènte troppo bbene. Allora, bbisogna pijacce subbito ripparo.

58. PE' LI VÈRMINI A LE CRATURE.
Pijate u' llimone romanesco, spremételo drent'un cucchiaro d'ojo bbôno, mischiatece poi un antro cucchiaio pieno de farina de grano. Sbattete tutto quanto assieme e ddàtejene un cucchiarino, a ddiggiuno, pe' ttre mmatine. Oppuramente je se dà la sera una cartina de santonina in un deto de vino bbôno, e la mmatina appresso un tantino d'ojo de rìggine e de màndola dórce. La santonina j'ammazza li vermini, e ll'ojo je li caccia fóra. Je fa anche bbene quarche cucchiaro de corallina bbullita com'er caffè che je fa' rifà' li vèrmini a mmallòppi. Sèmpre contro li vermini, je fa ppuro bbene a ffaje magnà' la pappétta còtta co' ll'ajo e ll'ojo. Un'antra cosa che ppuro jé fa una mano santa è d'ontaje li porsétti, la capoccétta, le frocette der naso, er pettarèllo, er collo e er bellicolo, cor un po' de spirito de vino tienuto in fusione pe' 'na ggiornata sana cor un po' d'ajo e un po' dde cànfora drento a un puzzonetto de còccio. Sempre contro li vermini, una cosa che mme scordavo e cche ddavero fa mmiracoli è er sémesanto. Appena la cratura lo pija, è, sse pô dì', gguarita. Apposta noi romani, a li fiji de li prèti jé dimo «Beati vojantri che arméno nun patite de' vèrmini: sete de seme-santo!»

59. PE' LA TOSSE A LE CRATURE.
Se pija un sordo de ràdica d'artèra, una quarta parte d'un papàvero, un pizzico de gomma in porvere, un friccico de zucchero, e sse fa bbulle tutto assieme in d'una piluccia de còccio. Quela bbullitura se mette in un bicchiere, ce se mischia un déto de latte, e appena messa a lletto la cratura, je se fa bbeve pe' ttre ssére. Oppuramente pijate un pezzo de carta straccia, e ccor un fèro de carzetta fateje un sacco de bbucétti; fatti questi, mettetela sur fôco a riscallà'. Quann'è ccalla ontatela bbène bbene o dde sego e dde bbutiro, e accusi panónta, appricàtela sur pettarèllo de la cratura. A ccapo a le tre sere de 'sto rimedio o la tosse o e' riffreddore je se passeranno.

60. PE' LA TOSSE ASININA O CONVURSA DE LE CRATURE.
Pijate quattro cipólle e quattro bbicchieri de latte. Fateli bbullì' tutt'assieme i' mmodo che de li quattro bbicchieri de latte se ne cunsumino tre e cce n'aresti un bicchiere solo. Allora pijate una cipólla, spaccàtela; mmezza appricàtela ar collo de la cratura, e ll'antra mezza su la bbocca de lo stommico. Co' ll'antre tre ccipólle fateje la medesima funzione pe' ssei ore de fila. Intanto que' llatte je lo darete a bbeve a ccucchiarini. Fatto 'sto rimedio me saperete a ddì', si la cratura nun se sentirà arifiatata.

61. PE' GGUARÌ' LE CRATURE RACCHITINÓSE.
Precurateve 'na bbôna fetta de meróllo de porco maschio, un po' de fonnaccia de vino e mmetteteli a bbullì in d'un puzzonétto de còccio nôvo. Quanno tutto averà bbullito bbene bbene, addiventerà com'un inguento. Allora ognétece 'gni sera la cratura a tutte le ggiunture der corpo, sino a ttanto che la racchìtine nu' j'è ppassata der tutto.

62. PE' TTRASTULLÀ' LE CRATURE QUANNO SE FANNO MALE.
Avviè' spesso che le crature, mó ppe' 'na cosa mó per un'antra, se fanno male. O sbatteno la testina a un tavolino, o una manina, o un piedino, eccetra; o je succede quarch'antra disgrazzia; e sibbè' cche sii cosa de gnente le sentite strillà' (speciarmente si sso' crature smorfiose), come anime addannate.
Allora pe' ffalle ride e trastullalle je se pija la parte indolenzita, je se strufina sopra co' la mano, e je se dice:
«Guariscia guariscia,
Er gatto ce piscia
Er gallo cià ppisciato;
È gguarito l'ammalato!»

63. PE' LA FREBBE DE STAGGIONE O DDE MALARIA.
Pijate una pila bbella granne, mettetece drento un par de bbucali d'acqua, e la coccia de' 'na diecina de limoni romaneschi. Poi fateli bbulle insino a ttanto che dde quell'acqua se ne cunsumi ppiù dde la metà. Poi imbottijàtela e bbevètevene mezzo bbicchiere la mmatina, mezzo bbicchiere a mmezzoggiorno e mmezzo bbicchiere la sera. Cercate de sta' bbene cuperti, de' sudà', e gguarirete.

64. CONTRO LE FREBBE TERZIANE.
Mettete in d'una pila un par de bbucali e mmezzo d'acqua, du' libbre de' erba sarvia, una libbra de rosmarino. A fforza de falla bbulle fate che in de la pila d'acqua ce ne rimani la metà. Firtrate quell'acqua, imbottijàtela, bbevételala mmatina a ddiggiuno, e nun avete pavura de gnente.

65. CONTRO LE FREBBE QUARTANE.
Se fa tutto come pe' le frebbe terziane, sortanto che invece de mettecce l'acqua, in de la pila ce se metteno du' bbucali o ttre de vino bbôno (maa, de quéllo de la chiavétta!). E sse ne bbeve mezza fojetta la mmatina, mezza a mmezzoggiorno, e mmezza la sera; insinenta a ttanto che uno nun sii guarito der tutto.

66. DOPPO AVUTA 'NA BBÔNA PAVURA.
Si la pavura è stata grossa, allora bbisogna subbito fasse caccià' ssangue. Si poi l'aresto nun è stato tanto forte allora abbasta a ppijasse una bbôna purga la mmatina appresso. Llì ppe' llì pperò, qualunque sii stata l'impressione, bbisogna bbevesse in sur subbito un par de deta d'acqua o mmejo de vino cor carbone smorzato. Oppuramente se fa bbulle una certa quantità de corallina, come se fa er caffè, e se bbeve a ddiggiuno pe' quarche mmatina, a le vorte però, che uno nun se sentisse mejo.

67. CURA DE LI CAPÉLLI.
Bisogna nun tajàsseli mai a lluna calante, che ppó ddasse er caso che nun creschino ppiù ttanto. Quanno ve trovate quarche capéllo bbianco, nun ve lo strappate; si nnó per ognuno bbianco che vve ne strappate, ve ne viengheno antri sei der colore medemo. Fa bbene a ontasseli co' ll'ojo d'uliva o cco' quello de mmàndola dórce, e anche cor petrojo, che j'infortischeno la radica e vve tiengheno pulita la testa da la rufa, che è la ruvina de li capélli. Li capelli che, ddonnétte care, ve cascheno in der mentre che vve pettinate, è mmejo che, ppettinate che vve séte, li ridunate, li riccojete, e li bbuttate ar gèsso. Pô ddasse er caso che ssi li trova quarchiduno che vve vô mmale ve ce pô ffa' quarche ffattura. Pe' questo c'è cchi cce sputa sopre tre vvorte; e cchi ddoppo avelli bbuttati ar loco còmmido, ce piscia sopra. Pe' fa ricresce li capelli cascati pe' mmalatia fa bbene a strufinasse la testa cor merollo de l'ossa de vitella e er grasso, bullito assieme co' l'ojo de riggine.
Un antro rimedio pe' ffa' ccrésce' li capelli.
Pijate una taràntola de tetto; ammazzàtela; e ffatela sta' ppe' ttre ggiorni ar sole. Poi mettetela in una piluccia de còccio piena d'ojo, e ffatela bbullì'. Co' quell'ojo ógnétevece la testa pe' pparecchio tempo, e mme saperete a ddì, si li capelli nun ve cresceranno.

68. PE' LE GGENGIVE.
La sera de la viggija de la festa de l'Ascensione, mettete una cunculina piena d'acqua fôra de la finestra, a la seréna. Siccome quela notte la Madònna va in giro, in der passà' ddavanti a ccasa vostra, vve la bbenedirà. Quell'acqua bbenedetta è bbôna, ortre che pp'er male de le ggengive (abbasta a sciacquàccesele); è bbôna, come ve dico, a gguarivve un antro sacco de malanni.

69. PE' LE COSÌ DETTE "COSE SUE".
Quanno a 'na regazza jé sténteno a vvienì' a capo a 'gni mese le cose sue, oppuramente nu' je vièngheno troppe regolare, je se dànno a bbeve le bbulliture d'acqua de dìttimo grèco e capomilla. S'intenne che vvanno bbevute la mmatina prima de magnà'.

70. CONTRO ER MAR CADUTO.
Quanno 'sto malanno pija, sarvognone a quarchiduno, nun c'è antro che agguantallo e bbuttallo a l'improviso drento a 'na funtana o ddrento a 'na bbagnaròla d'acqua giaccia. Quer bagno ggelato preso a l'abborita, je fa un gran aresto de sangue e lo pô ffa' ssubbito guarì'. O anche, siccome è un malanno che sse pija pe' vvia de quarche gran spavento, mettennoje una pavura più ggajarda, è ccapace che quer malanno je se passi.

71. ER VÈRMINE DER FINOCCHIO E LL'OVA DER BARBO.
Un proverbio antico dice: «Dio te guardi dar malocchio, E ddar vermine der finocchio». State dunque bbene attenti quanno magnate li finocchi; perchè nun c'è peggio cosa che ffacci tanto male, quanto quer mazzato vèrmine. Come puro quanno se màgneno li Bbarbi, queli pesci che ffanno in der fiume nostro, bbisògna sta' bbene attenti a llevaje bbene tutte l'ova che ccianno in corpo; perchè si uno ne magna puro una sola, è indificile assai che la 'ricconti. Tant'è vvero che un antro proverbio nostro dice: «Chi dder Barbo magna l'ova, Si nun môre ce fa la prova».

72. CONTRO LI MÓZZICHI DE LE VIPERE.
Pe' li mozzichi de le vipere, che ffanno morì' in sur subbito, fa bbene a ttoccà' o ssegnà' la parte mozzicata, co' la relliquia de San Domenico de Cucullo. Fa ppuro bbene a ddasse subbito fôco a la parte mozzicata cor un fèro infocato; oppuramente a sciacqualla bbene bbene co' l'immoniica.

73. CONTRO LI MOZZICHI DE LI CANI ARABBIATI.
Bisogna segnasse la parte mozzicata co' la relliquia de San Domenico de Cucullo, e sse guarisce subbito. Oppuramente, sciacquasse la parte mozzicata subbito co' l'acéto; poi pijà' una bbôna fatta de pélo der medemo cane che vv'ha mmozzicato, mettesselo su la ferita e ffacce una fasciatura. Poi 'gni tantino lavassela e ccambiaje er pélo. Lo dice infinènta er proverbio: «Nun me' mózzica cane che nun me mèdico cor su' pélo».

74. PE' LI TAJI A LE DÉTA.
Pe' li taji a le deta o in quarche antro sito, nun c'è antro, prima de tutto, che de sprémésse bbene er sangue dar tajo; e ddoppo poi stagnallo co' l'appricacce sopra una bbella tela de ragno. Chi pperò sse trovasse pe' ccaso in campagna, pô addoprà' er sugo che ccaccia er gèrso e infasciasse la ferita co' la scòrsa de ll'arbero medémo.

75. PE' LE SCOTTATURE D'ACQUA, DE BRODO E DD'OJO BBULLENTI.
Appena ve sete scottati pijate un pezzo de sapone de cucina e insaponàtevece bbene la scottatura. Quer sapóne ortre a nun favve arzà' la vessica o la bbólla, ve carma subbito er dolore. Fa ppuro bbene a ógne la scottatura co' l'inchiostro, co' ll'ojo, cor semefreddo, ecc. ecc. Oppuramente pijate un po' d'ojo d'uliva e un rosso d'ova tosta, impastateli bbene, e quell'inguènto che ve se forma stennételo sopre una pezza de téla, e ppoi appricatevelo su la parte indove ve sete fatta la scottatura, e gguarirete.

76. PE' LE SCOTTATURE FATTE CÓR FÔCO, CÔ LA PORVERE DA SPARO E CCOR FERO INFÔCATO.
Pijate quattro o ccinque patate, grattàtele bbene, copritece la scottatura e tienétecele pe' 'na mezza ggiornata. Poi pijate un po' d'ojo, un po' dde ségo e un po' dde cera vergine, fatece come una pulentina, sparmàtela sopra una pezza de tela e appricàtevela sopre a la scottatura. E, ppossi morì' qua, si er giorno appresso nun ve sentite arifiatato.

77. QUANNO DÔLE ER NASO.
Bisogna ontàsselo bbene bbene drento e ffóra, cor butiro de cacàvo. Si ppoi er cacàvo nun ve facessi affètto, ontatevelo co' ll'ojo callo de' llume. L'ojo callo de lume fa' bbene pe' ccento malanni. «Ojo de lucèrna 'Gni male guverna», dice er proverbio; e li proverbi so' ccome er Vangèlio.

78. PE' GGUARÌ LE POSTÈME.
Quanno vé viè' quarche ppostèma (che ppe' lo ppiù vviengheno a l'orecchie), fàtevece scolà' ddrento un po' dde latte de la zzinna da 'na donna ch'allatta; poi atturàtevela cor un cinìco de bbambace e la postèma in pochi ggiorni ve sparisce.

79. P'ER MAL DE FEGHETO.
Propio ar punto andove sentite che vve dôle, attaccàtevece cinque o ssei mignatte. Queste ve s'attireno er sangue infètto e er dolore ve se carmerà. Oppuramente fàtevece un bell'impiastro d'erba palatana, che vve farà gguarì' lo stesso; abbasta che cce lo tienete appricato pe' ddua o ttre ggiorni e si occorre anche de ppiù.

80. PE' LE CÒLICHE D'UTERO.
Contro le còliche, le tirature, li dolori e er calore all'ùtero fanno bbène le lavanne d'acqua de marva bbollite co' la capomilla e un tantino de papavero. Un'antra cosa che ffa bbene, è dde pijà', a ddiggiuno la mmatina appena arzati, un cucchiaro de ojo de mmàndola dórce.

81. LA CURA P'ER SANGUE.
Ammalappena entra la primavèra, la mmatina a ddiggiuno, pe' quaranta ggiorni de seguito, bbevete la bbullitura d'acqua de mazzòcchi o ccrescióni che siino. Ve li potete precurà' da qualunque cicoriara, e ccòsteno un bajocco er mazzetto. Per sangue nun c'è ccura che cce l'appò. C'è cchi invece de falli bbulle, li pista bbene in der mortale; poi passa quer sugo drento una pezza de tela in d'un bicchiere, li fa sta' ttutta la notte a la seréna, e la mmatina a ddiggiuno se lo bbeve. Invece de li crescioni, se po' ffa' la cura d'acqua de cicòria.

82. P'ER DOLOR DE TESTA.
Se metteno li porzi de le mano intinti in d'una cunculina d'acqua giaccia, e cce se fanno sta' un quarticèllo. Si er dolore nun ve passa, mettete li piedi a mmollo drento un callarèllo d'acqua calla che abbi bbullito assieme a due o ttre ppalettate de cennere. Fa ppuro bbene a bbagnasse le tempie, le froce der naso e la fronte co' l'acéto de li sette Ladri, o anche co' l'acéto solito abbasta che sii acéto de vino. P'er dolor de testa fa una mano santa a appricasse due, tre o anche quattro ranocchie sopre la fronte, o anche sopre la testa. Ma attenta a mettessele a ppanza per aria, perchè si nnó nun fanno affetto. Come fa puro passà' er dolor de testa l'appricàccese sopre la fronte la pelle d'una serpa.

83. PE' L'ARIFFREDDORI.
Ce so' ddiversi arimèdi uno méjo de ll'antro. Presempio, a annàssene a lletto co' la testa invortata in d'uno sciallo de lana e ccercà' de fasse una bbôna sudata. Bevesse la sera, in de' lletto, un bicchiere de latte cor mièle, callo bbullènte. O anche un ber gotto de vino bbôno, callo bbullènte che ce sii stato in fusione o e' rosmarino o ll'erba genziana. Coprisse de lana e ccercà' dde sudà'. Oppuramente pijà' due o ttre rape cótte su la bbracia, capalle e mmagnàssele a ddiggiuno e ssenza sale. Oppuro arispirà li sorfumiggi de la marva fatta bbullì in d'un callarello. Ecco come. Mettesse e lletto, schiaffà' er grugno sur callarèllo e ccoprisse testa e ccallarèllo cor una cuperta de lana. E' ccapace, che ccor una vorta che cce se prova, e' riffreddore passa.

84. PE' FFASSE PASSÀ' LA TOSSE.
Pe' ttre mmatine a ddiggiuno bevéteve un bicchier d'acqua de seme de lino bbullito che nun c'è antra cosa come arinfresca. Si nnò, pprovate a bbeve e' llatte de gallina. Ecco come se prepara. Pijate una piluccia, mettetece drento un po' d'acqua, un tantino de sémmola, u' rosso d'ovo sbattuto e un pizzico de zucchero. Fate bbulle tutto quanto assieme; e bbevétevelo callo, prima d'annà' a slòffe, pe' ttre ssere de séguito. Oppuramente fate un decotto de ràdiche de rebbarbero, radiche de liguorizia e ffoje de sabbina, che a fforza de bbulle vienghi consumato consumato. Mettétene un mezzo cucchiarino in mezzo bicchiere d'acqua che vve bbeverete pe' ttre vvorte ar giorno; e vvederete che nun sortanto ve passerà la tosse, ma vve guarirà ppuro er catarro.

85. PE' LA RIPIENÉZZA DE STÒMMICO.
Si la mmatina quanno v'arzate ve sentite come u' gnòcco in gola che vve dà smagna, e vve lèva e' respiro, nun c'è antra cosa che dde cure subbito da l'acquavitaro, e dde fasse subbito 'na palletta de purazzo. Farebbe puro bbene un caffè nnero rumato senza zucchero; ma ccerte vorte nun abbasta.

86. ER MALE DER LUPO MANÀRO.
È un malaccio accusì bboja che Ddio ne scampi ognuno. Pija de notte, quanno speciarmente piove e ffa ffreddo. Er poveretto che lo soffre, diventa tutto in d'un bòtto una bberva. Je s'allóngheno li capélli, e je créscheno l'ógna de le mano e de li piedi come si ffussi una bbèstiaccia. Se bbutta vicino a li pantani d'acqua, s'inzacchera de fanga, se mette a cure pe' le strade, e urla come 'n addannato. Dio ne guardi incontra quarchiduno! Je s'affiara addosso e sse lo sbrama. E mmanco ggiova a ccure, perchè e' llupo manaro cià ll'ale a li piedi: vóla come 'na spada! Pe' ssarvasse, bbasterebbe de ferillo in fronte e ffaje uscì' quarche ggóccia de sangue: rimedio che lo fa gguarì' in sur subbito. Oppuramente, intanto che lui ve cure appresso, salì' quattro o ccinque scalini: ché llui bbisogna che vve pianti nun potènno salì ppiù de dua o ttre scalini ar massimo. Un antro rimedio sicuro de guarillo, è de metteje in mano una chiave femmina. Er lupo manaro, appena s'incaja che je sta ppe' ppijà' er male, scappa da casa sua, e ssi ccià mmoje, je s'ariccommanna che nu' j'opri casa, si pprima nun se sente chiamà' a nnome da lui armanco tre vvorte, si nnó sse la sbrama. S'aricconteno tanti casi de moje sbramate da li lupi manari, perchè ppe' ccompassione, je so' ite a upri' la porta de casa a la prima chiamata!

87. P'ER MALE DE PÈTTO.
Pijate 'na piluccia mettetece drento mezza fojetta d'acqua, e un po' dde foje de lìchene secco aridotto in porvere. Quanno 'sta robba bbulle mettetece un po' dde seme-santo e smucinate bbene. Doppo un quarticello passate quer decotto in d'una pezza, e bbevetela infinènta che nun ve sentite mejo. Si ppoi er male seguita bbisogna mutà' aria. Ar tempo d'una vorta, mutà' aria, nun voleva mica intenne d'annà' ffora de Roma. Voleva intenne d'annà' a sta' a vvia San Giuseppe a Ccapo-le-case o a la Ternità de Monti, ecc., indove c'è ddavero l'aria fina. Però er mejo arimèdio contro 'sto malaccio che sse chiama puro etisìa, è quello d'ariccommannasse o d'invotisse a la Madonna de Sant'Agustino. Se fa una bbôna confessione e 'na bbôna communione in quella cchiesa; e ppoi propio la sera der giorno ch'er sole entra in der canchero se va pe' ttre ssére de seguito a ppiedi scarzi, dicenno e' rosario pe' le strade de Roma. Se capisce che nun ce deve mica annà' l'ammalato; a ttempo mio 'gni parocchia ciaveva le su' bbrave bbizzóche che cco' ppochi bbajocchi, facéveno questo e antro. A ccapo a la terza sera de 'sta devozzione si l'ammalato nun guarirà der tutto, mijorerà dde certo.

88. PE' FFA SPARÌ' LI SÉGNI DE LE VOJE A LE CRATURE.
Quann'a le crature, appena nate, jé védete o ssu la faccia o in quarche antro sito der corpo una voja de vino o dd'antra cosa, ecco come se fa ppe' ffàjela passà'. Pijate 'na padèlla vecchia che stii da un ber pèzzo in servizio, e ccon quer tàrtero che ccià dde sotto ontàtece e strufinàtece la parte invojata a la cratura. 'Sta funzione, se capisce, che je v'ha ffatta pe' ddiverse vorte, ma nno da la madre, si nnó nun vale. L'óntatura je la deve fa' 'na regazza zzitèlla, che, a ogni óntatura, dev'èsse 'na regazza nôva.

89. P'ER MALE A L'ORECCHIE.
Pijate un po' dde bbambace, ognétela d'ojo de mmànnola dorce, mettétevela in de l'orecchia e er dolore ve passerà. Oppuramente pijate un po' dde frónne de pèrsa de pila, e schiaffàtevele in de l'orecchia. Pèrsa de pila s'intenne de quéla pèrsa cresciuta in d'una pila de cóccio; perchè si ffusse pèrsa piantata e ccresciuta in d'un vaso qualunque, nun poterebbe favve gnisun affetto. Fa ppuro bbene p'er dolor d'orecchia, a mmettecce drento quarche góccia de latte de 'na donna che allèva.

90. PE' GGUARÌ' LA PORMONEA - LE SANGUIGNE.
Quann'uno, sarvognóne, cià la pormonèa, l'unica cosa che (ssi sse vô sarvà') se deve fa' ssubbito, è una bbôna sanguigna. Mo' li mèdechi so' ccontrari a ccaccià ssangue; e ppe' 'sta contrarietà cche ccianno, spedischeno ppiù ggente a ll'antri carzoni che nun se sa! A ppreposito de sanguigne, ecco quanno queste so' nnecessarie. Quanno uno, come ggià ho ddetto, ha avuto una bbôna pavura; e in caso d'una pormonèa o pormonìta che sii. A cchi è dde comprissione sanguigna, a ccacciasse sangue quanno cambieno le staggione, je fa 'na mano santa; a cchi je pija, sarvognuno, un córpo; e a le donne in der nono mese de gravidanza. Bbisogna però sta' bbene attenta ddoppo d'essese cacciati sangue, de nun appennicàsse subbito. Si nnó ce soffre la vista ar punto, che je ponno cascà' le cateratte de ll'occhi, je ponno!

91. CONTRO LE CONVURSIONE 'PILÉTTICHE.
Si nun volete mai soffrì' in tempo de vita vostra de convursione, speciarmente de quelle 'pilèttiche, c'è u' rimedio sempricissimo e cche nun ve costa un sordo. Basta a ttienesse in bocca una cìca, o un mozzóne de sighero che sia. Credeteme a mme, è una vera mano santa.

92. PE' FFA SPARÌ' LE PETÌNE.
Quanno sur viso o in d'un' antra parte der corpo ve ce viengheno le petine, ecco si cche avete da fa' ppe' ffalle sparì'. Intignéte un déto in de l'acéto de l'insalata, e strofinàtevelo su' le petine la sera e la mmatina, infinènta a ttanto che nun ve sparischeno. Intanto che vve strufinate, dite accusì:
«Petina mia, a ddigiuno stó,
Co' ddieci frati dormìto ho
Sì tte dico la bbucìa
Petina mia, vàttene via».

93. CONTRO LA 'MORAGGÌA MOROIDALE.
Bevete le bbulliture de radiche d'èllera. State però bbene attenta a precuravve quele ràdiche che ffanno drento a le mura; perchè ssi fùssino de quelle che nàscheno in de la tèra, nun ve farebbeno propio gnente affatto.

94. CONTRO LA PÈSTA.
Pe' ppreservasse da la pèsta (che Ddio ce scampi e llibberi) bisogna portasse sempre in saccoccia li 'gnusdei (Agnus Dei) de San Giachimo de Compostèlla che a ttempo mio se compràveno da li ciarlatani.

95. CONTRO ER COLLERA.
Pe' tienè llontano 'st'antro gastigo de Ddio, bbisogna tienè lo stommico sempre pulito, nun magnà' frutti verde e mézzi, pummidori, ecc., ecc. Portà' ssempre addosso quarche ppo' dde' cànfora, bbeve quarche bon gotto de vino, magnà' ccibbi sani, e riccommannasse a San Ghetano.

96. P'ER TORCICÒLLO.
Pijate una bbôna fatta de stóppa, ontàtela cor un po' dd'ojo callo de lucèrna, e ppoi cor un fazzolétto infasciàtevela intorno ar collo. State bbene attènta che la stóppa sii stóppa e nno bbambacé; si nnó nun ve fa gnisun affetto e la cura nun vale.

97. PE' L'INFIAMMAZIONE A LA GÓLA.
Pijate un po' dde riso, un mazzetto de marva e un bicchiere de latte fresco, metteteli in d'una piluccia de coccio, e ffateli bbulle tutt'assieme. Quanno vv'è vvienuta come 'na pulentina spannètela sopra un fazzoletto e infasciàtevece er collo. Cambiàtela otto vorte in d'una ggiornata e, vve guarirete de sicuro. Mentre fate 'sta cura ariccommannateve a San Biacio, bbenedetto protettore de li mali de la góla.

98. CONTRO ER COMINCIO DE SORDITÀ.
Pijate 'na bbona fatta de capomilla, mettetela a bbullì' in d'un callarèllo d'acqua, e ccor fume de quell'acqua fatece li sorfumiggi a l'orecchia. Co' 'na quinnicina de ggiorni de 'sta cura, sarete guarito.

99. PE' LA 'MORAGGÌA.
Pijate un po' d'ortica e ppistatela bbene. Quer sugo che cc'esce mettetelo in d'un bicchiere e ffatelo sta' una nottata a la serena. La matina appresso, a ddiggiuno, bbevetevela; e in capo a quarche ggiorno de 'sta cura la moraggìa ve se passerà.

100. PE' LE FISTOLE 'MOROIDALE.
Pijate un mazzo d'erba valeriana, fatela bbullì in d'un callarèllo; e cco' quer fumo fatevece li sorfumiggi a la parte che vve dôle. Poi sciacquateve la fistola co' quella medema acqua, mettetevece un bell'impiastro de marva còtta co' 'na fascia, e in pochi giorni de 'sta cura, me saperete a ddì' ccome ve sentite.

101. PE' GGUARÌ' LA RÓGNA.
Pijate un po' dde grasso de porco maschio e un par d'oncia de sórfo, mischiateli assieme, metteteli sur fôco e ffateli bbulle. Co' quel'inguento che vve viè' ognetevece la rógna e in quarche giorno de 'sta cura ce vederete quarche ggiovamento.

102. P'ER VÈRMINE SANITARIO.
Questa ricétta me la diede un mèdico tanto bravo. Me fece, dice, pijate un po' dde radiche de cotógna, un po' de legno de durcamara e un po' dde ràdiche de melagrana; tutte cose che le venne er sempricista. Fate bbulle tutt'assieme, la notte metteteli a la seréna3 e la mmatina, a ddiggiuno, bbeveteve quela bbevanna pe' ttre ggiorni.

103. PE' NUN ATTACCASSE ER MORSARSO.
Nun magnà' mmai salumi, ni robba salata; nun addropà' e' rasore de quarcuno che ccià' er morsarso, e nemmanco bbeve in der su' bbicchiere, o addropà' quarche abbito o vestiario de li sua. Perchè nun c'è antra cosa facile per attaccasse come er morsarso.

104. PE' QUALUNQUE DOLORE A LA SPINA DORSALE.
Crompate dar sempricista radiche d'erba mandlàgora, un po' d'ortica, un po' dde cànfora, mettete tutto quanto in d'una pila de còccio, e aggiontatece un ber po' dde grasso de gallina vecchia. Fate bbullì tutt'assieme, ppoi ognétece er dolore, e ccopritevelo co' le pezze de lana. 'Sta ricetta me la diede er celebbre professore Stramónni e a cchiunque persona l'ho insegnata m'è arimasta disubbrigata de la vita.

105. PE' GGUARÌ' LA TIGNA.
Comprate 'na trentina de foje de mandlàgora, quattr'oncia de grasso de porco, una bbona fatta de pece greca e dde sórfo. Mettete a bbulle tutto quanto, smucinàteli bbene, insinenta che nun ve divènteno come 'na pomata. 'Sta pomata se stènne sopra 'na pezza de tela e ppoi s'àpprica su la parte ammalata, insinenta a ttanto che nun sete guarito.

106. CONTRO L'ÈRPRETE.
Lavàteve, indove ve vie' quelo sfògo, pe' ttre o quattro vorte ar giorno, co' l'acqua de foje de nóce bbullita.

107. PE' LE 'MOROIDE ASTERNE.
Fa' li sorfumiggi de fiori de sambuco, de capomilla romana e de valeriana. Se metteno sopra a un foconcino a bbrucià, e ppoi uno ce se mette sopre. Quer profume è 'na manosanta che vve sràdica addrittura le moroide.

108. CONTRO L'ALLÈNTAMÉNTO DE L'URINA.
Chi nun pô ritené' er piscio o l'urina che ssia, è ssegno che ssoffre d'allèntaménto. Pe' llevasse subbito 'st'incommido èccheve u' rimedio ch'è 'na mano santa. Pijate un sorcio, ammazzàtelo, pulitelo bbene, côcételo, o arosto o in un antro modo, poi magnàtevelo, e l'incommido de l'allèntaménto ve se passerà.

109. UNA CURA PE' SMAGRISSE.
S'incomincia cor beve la mmatina, a ddiggiuno, un deto d'acéto, ma da quello bbôno; poi a mmano a mmano, invece d'un déto, du' déta, poi mèzzo bbicchiere, e si uno l'arègge, anche un bicchiere sano. Ma bbisogna annacce piano; perchè si cchi fa 'sta cura nun è ppiú cche sincero, po' insecchìsse ar punto da stennécce bbello che le gamme.

110. CONTRO LA TIGNÓLA A LI DENTI.
Se compra una piluccia nôva de quelle da un baiocco, ce se mette drento un tantino de radica de sarvia, un po' dde radica d'ortica e mezza fojetta d'aceto bbôno. Se mette ar fôco e sse fa bbullé insino a ttanto che quel'aceto a fforza de bbulle se riduchi a un mezzo bbicchiere. Co' 'sta robba fatevece li sciacqui a li denti e la tignóla ve sparirà.

111. IN CHE PPOSIZZIONE SE DEVE DORMÌ'.
Quanno a Ddio piacènno, ve cercate in de' lletto, la mejo posizzione, p'ariposà' ppropio paciosamente, è quella de mettesse da la parte de man dritta. C'è cchi sse mette a ppanza per aria; ma a ppanza per aria nun se dorme accusì ariposati come se dorme da la parte de man dritta. State poi bbene attenta mentre dormite a nun posavve le bbraccia o le mane su la testa o ssur core; si nnó l'insogni bbrutti che nun ve fate, se sprègheno. E si vvolete arisvejavve de sicuro la mmatina appresso, nun v'addormite mai, per carità, da la parte der core; si nnó un stravaso, sarvognóne, de sangue, o un antro diànciche1 qualunque, ve pô ffa' arimane freddo sur fatto.

112. LI SANTI CHE CCE PROTÈGGHENO DA LI MALANNI.

Er Santo che cce protègge contro li dolori de la vessica de l'urina è Ssan Libborio.

Contro la tigna e la rógna San Galicano.

Contro li dolori rumatichi San Mavuro abbate.

Contro la podagra San Tomasso.

San Biacio ce protègge da li mali de la góla.

Sant'Erasmo da li dolori spasmôdichi.

Sant'Antonio de Padova protègge tutte le bbestie da qualunque siesi malanno; e ll'ómmini da le cascate.

Santa 'Pollonia ce guarda dar male de li denti.

Sant'Irena e Ssanta 'Lisabbetta contro li furmini e ll'antre porcherie.

Santa Bónósa contro er vajòlo.

Santa Lucia contro tutti li malanni all'occhi.

Sant'Anna protègge le donne partorènte.

San Ghetano li collerosi.

San Rocco l'appestati.

Santa Marta ce sarva da le mmalatie 'pidèmiche.

Sant'Agusto ce sarva dar dolor de testa.

Sant'Andrea Avellino ce sarva (sarvognuno!) da l'accidenti.

San Nicola e Sant'Emidio ce protèggheno da li taramoti.

San Maturino e Sant'Aventino ce sarveno da la pazzìa.

San Zaccaria fa pparlà' li muti.

Sant'Utropio guarisce li stroppi.

Santo Toto (Teodoro) protègge li malanni de le crature e dde le bbalie o dde le donne che allèveno...

E accusì via discurènno.

ROMASEGRETA.IT
ONLINE DAL 16/02/2003
----------------------------

Questo sito è stato realizzato anche grazie alla pazienza di Rita

giweather joomla module