Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza ed offrire servizi in linea con le tue preferenza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla pagina Cookie Policy.

INDOVINARELLI

Indovina, indovinarèllo:
A cchi cc’indovina je do un anèllo.

1. — Vé lò dico, vé l’ho ddetto,
Vé lò torno a ddi’ dde nôvo,
Fra le donne m’aritrovo.
E si vvoi nu’ lo sapete,
De cervèllo duro séte.

2. — Ce sta una finestraccia
Co’ ddrento una vecchiaccia
Che ccór un dènte
Chiama tutta la ggènte.
Enne e nè,
Azzeccate che ccos’ è.

3. — In cèlo c’è, in terra no; le zzitèlle ce n’hanno due; le maritate nun ce ll’hanno. Luiggi ce
ll’ha davanti; Giulio dedietro. E Ppietro, povero Pietro, nun ce ll’ha ni ddavanti ni ddedietro.

4. — A Nnapoli c’è una donna. El nome ve l’ho ddetto. Indovinate come se chiama?

5. — Io cammino e ddico el vero
Finchè sso’ ssano e ssíncèro.
Ma ssi mme viè’ una mmalatia,
Io ve dico una bbucìa.
Ma si un medico valente
Trovo che mme sappia bben guarire,
La verità ritorno a ddire.

6. — Io ce ll’ho; ttu nun ce ll’hai.
Viè’ dda me cche ll’averai:
Metti el tuo accanto al mio
E l’averemo tu ed io.

7. — Io ciò una cosa che ttutto er giorno sta affacciata e la notte s’aritira. Ell’è l’è, indovinate che ccos’è?

8. — Quali so’ queli fili che ddar cèlo ariveno giù in tera?

9. — Qual’è quela cosa che sta fferma e cche ccammina?

10. — Qual’è quela cosa che vva in giù ridènno e riviè’ in su ppiagnènno?

11. — Mura vérde, cammere rósse, mòniche nére: chi c’indovina je do ddu’ pére.

12. — È ccòtta e nun se magna.

13. — Tombolicche, tombolava,
Sènza gamme camminava,
Sènza cu... s’ areggeva:
Come diavolo faceva?

14. — Qual’è quela cosa che li signori se la metteno in saccoccia e li poveretti la bbùtteno via?

15. — Io ciò una cosa che in cammera riposa: nun fila, nun cuce, nun tèsse, e de corame se riveste.

16. — Du’ lucènti, du’ pungenti, quattro zzòccoli e una scopaccia.

17.— Io ciò una cosa in terra santa: Si ttócco le bbudèlla, er morto canta.

18. — Alto alto padre,
Bbassa bbassa madre,
Neri neri figliolini,
Bianchi bbianchi nipotini.

19. — Io tiengo un panno; me lo metto bbianco, me lo levo rosso, e cce fo er commido mio.

20. — Nun è mare eppur fa ll’ onda;
Nun è ppécora e ssé tónda;
Nun è ppesce e pporta spina
Gran dottor chi cc’indovina.

21. — Qual’è quela cosa che ccruda nun se trova e ccòtta se bbutta via?

22. — Io ciò un salone, co’ ttutte portrone intorno, e una bballerina i’ mmezzo, che bballa ttutt’er giorno.

23. — Ahimè, signore, con due stampèlle io sono, tre moglie, quattro figli, cinque nipoti, sei anni d’abbondanza, sette de carestia. Donna, dammi un cavallo; ché il re di Portogallo te lo renderà.

24. — Tavola de cqua, ttavola de llà, ttavola de su, ttavola de ggiù, tavola de sópra, tavola de sótto, e cciccia i’ mmèzzo.

25. — Qual’ è quela còsa
Che corre ggiorno e nnotte,
E mmai nun s’ariposa?

26. — Io ciò una scatola de bbimbirini,
So’ rossi e sso’ ccarini;
E sse li mangio so’ ttanti bbôni.

27. — Qual’è quella cosa che dd’avanti se scórta e dde dietro s’allónga?

28. — Corri corrènno
Ficca ficchènno
Fa quela còsa,
E vvatt’a riposa.

29. — Bianca e ggentile,
Forte e ttenace
Cammina e nun se môve,
Parla e ttace.

30. — Albero alberóne,
Con dodici foglióne,
Con quattro campanèlli.
Quest’ è ’r capo de l’indovinarèlli.

31. — Io ciò una cantina de porchetti; quanno ne piscia uno, pisceno tutti.

32. — Gioveddì andai a ccaccia,
Ammazzai una bbeccaccia,
Vennardì me-la magnai;
Peccai o nun peccai?

33. — Su la piazza de San Pietro
Ce so’ mmille cavalieri,
Có’ la spada rosseggiante
E la punta sanguinante.

34. — Maria, Berta e Cclori,
Andareno a coglie fiori
Chi sì cchi nno lì colse
Chi fu che li raccolse?

35. — Tre ppere dondolàveno
Tre frati le guardaveno
Ognuno prese la sua,
E ne rimaseno dua.

36. — Son bbattuto e sfraggellato,
So’ dde spine coronato:
Nun so’ omo e nun so’ Ddio
Dite un po’ cchi sono io?

37. — Quann’ è ffatta è ccotta.

38. — Tóndo, bbitondo,
Bicchiere senza fondo,
Bicchiere nun è
Azzeccate che ccos’è?

39. — De bbronzo el corpo, de legno la testa, de stóppa la códa; e si alcuno me tira, a gguisa d’ômo io strillo.

40. — Bianca so’, nnéra me faccio;
Casco in terra e nun m’ammazzo.

41. — Nun so’ re, ma ssono incoronato
Da tutti gentirmente so’ imboccato.

42. — Arta so’ ccom’un palazzo,
Verde so’, nnéra me faccio,
Casco in terra e non me sfascio.

43. — Chi mme nomina me róppe.

44. — Quattro fratelli carnali carnali,
Coreno coreno e non s’ariveno mai.

45. — Arto arto belvedere
Cinquecento cavalieri
Co’ la spada sguainata.
E la testa insanguinata.

46. — Bianca mano che mme stringi
Io so’ dd’acciaro.
Porto capezza al collo
E non so’ ssomaro
Porto corona in testa e non so’ re.

47. — Noi lo vedemo sempre:
Li re quarche vorta.
El papa mai.
Dio nu’ l’ha vvisto
E nu’ lo vederà giammai.

48. — Maschio fui sempre da che nnascei al mondo,
E so’ ffemmina ancora la maggior parte.
Posso imità’ ogni scrittura ed arte;
Porto sul dorso ogni ppiù grave pondo.
Nun ciò forza, ni vita; e sono secondo
Ettore, Achille, Polifemio e Mmarte.
Il mio sembiante in un momento parte,
E in un momento torna più ggiocondo.
Siedo in rustica parte e in reggie sale.
Leale con tutti. E sono de pulizzia
Specchio, e dde tutto el mondo universale.
E si non fusse la presenza mia,
La donna lusinghiera e frale,
Ggiunta a ttanta superbia non sarìa.

49. — Sopra suola fonte; sopra fonte lente;
Sopra lente piazza; sopra piazza bbosco:
Dentro bbosco leone.

50. — Sopra a tterra pino, sopra a ppino lino, sopra llino terra, sopra a tterra grano, tutto quanto sopra a ppizzo.

51. — Conosco un tale che la sua bbellezza
È impareggiabbile a la sua grandezza,
E per quanto piaccia.
Nun c’è nessuno che lo guardi in faccia.

52. — Sto cco’ ll’omo savio, sto cco’ li frati a ttavola,
Mentre el cibbo fa ingombro a la parola;
Ma la donna, ah la donna è una gran diavola
Che nun sa contenerme un’ora sola.
Nun dite el nome mio si lo sapete.
Perchè mmentre lo dite, me roppete.

53. — Alto altino,
Cappello e bbarettino;
Ppiù s’inalzava,
E ppiù sberettinava.

54. — Turca so’ e tturca nun so’ nnata:
Turchia nun fu mai la patria mia.
Da un giovine fu presa e ffu llegata
E mmessa in oro la persona mia.

55. — Verde so’ e vverde so’ nnata,
Sù la testa porto un vago fiore
Da ceppi e chiodi so’ llegata
A ttavola de signori so’ pportata.

56. — Rossa rossetta,
In tavola fu mmessa
Al padrone je fa ggóla,
Magna la testa e bbutta la coda.

57. — Chi la fa la fa ppe’ vvenne;
Chi la compra nu’ jè serve;
Chi je serve nu’ la vede.

58. — Io ciò un campo tutto lavorato:
Nun c’è ppassato ni bbove e ni aratro.

59. — Io ciò un lenzolo tutt’arippezzato
Che nì ffilo e nì ago c’è ppassato.

60. — A Fa’-le-fosse stava su ll’ara;
Malagronna che ppassava,
Si nun era Cianche storte,
L’acchiappava a ffa’ le fosse.

61. — Sopra er monte de Biribbacchie
C’è un cappèllo fatto a ttacchie;
Nun è bbianco nì rosso nì tturchino.

62. — Su quer monticèllo
C’è un fraticèllo:
Va ttentanno a questo e a quello
Quann’ha fatto li fatti sua
Aritorna a ccasa sua.

63. — Io ciò una crapétta
Che sculétta sculétta:
La mmerda che caca
La magna anche er Papa.

64. — Io ciò una cassetta
Piena de robba secca:
A cchi cc’indovina
Jé ne do una fétta.

65. La signora Bbrebbrè-Brebbrè,
Porta la fiasca e vvino nun c’è;
Porta le corna e bbove nun è;
Dipigne er muro e pittore nun è.
Azzeccate che ccos’è?

66. — L’ucellino che vva p’er mare
Tiene strette le su’ ale,
Tiene strette l’al ’e ’r becco
Azzeccate cos’è questo?


RISPOSTE AGLI INDOVINARELLI

1. Il velo. 2. La campana. 3. Lettera L. 4. Anna Poli: A Nnapoli, ecc. 5. L’orologio. 6. Il lume. 7. I bottoni. 8. La pioggia. 9. L’orologio. 10. Il secchio. 11. Il cocomero. 12. La cotta del prete. 13. Il gomitolo. 14. Il moccio. 15. La spada. 16. Il bue. 17. L’organo. 18. Albero di pigne. 19. Il grembiale del macellaio. 20. Il grano. 21. La schiuma del brodo. 22. La bocca. 23. Le carte da giuoco (dall’asse al re). 24. La cassa da morto. 25. L’acqua. 26. Il granato. 27. La strada. 28. La chiave di casa. 29. La lettera. 30. L’anno. 31. Il tetto. 32. Mela: No perchè mangiai una mela. 33. Granato. 34. Li raccolse chi si chi-nó. 35. Frate Ognuno. 36. Il grano. 37. La cotta del prete. 38. La ciambèlla. 39. La campana. 40. La neve. 41. Il cèsso. 42. L’oliva. 43. Il silenzio. 44. Le ruote della carrozza. 45. Albero di cerase. 46. L’ago. 47. Il nostro simile. 48. Lo specchio. 49. La testa. 50. Tavola apparecchiata. 51. Il sole. 52. Il silenzio. 53. Il fumo. 54. La pietra turchese. 55. La tovaglia di lino. 56. La ciliegia. 57. La cassa da morto. 58. Il tetto. 59. Il cielo. 60. Il maiale, il lupo e il cane. 61. La beretta del prete. 62. Il lievito per fare il pane. 63. Lo staccio. 64. La cassa da morto. 65. La lumaca. 66. La lettera.

 

BISTICCI E SCIOGLILINGUA.

1. — Drento a quela legna
C’è una povera cagna prégna
Daje un po’ de pan de Spagna
A quela povera prégna cagna.

2. —Drent’a quer palazzo
C’è un povero cane pazzo:
Daje un pezzo de pane
A quel povero pazzo cane.

3. — Corpo de sette frasche,
Mannaggia san frascheggio!

4. — In un piatto poco cupo, poco pepe pisto cape.

5. — Se l’arcivescovo di Costantinopoli si volesse disarciviscostantinopolizzare, vi disarciviscostantinopolizzereste voi come si è disarciviscostantinopolizzato lui?

6. — Corri correndo
Bottoni cogliendo
Corri correndo
Cogliendo bbottoni.

7. — Tre quaglie cotte in foglie
Tre quaglie cotte in foglion
Piglia le quaglie per le coscie,
I quaglion per li coscion.

8. — Tazze e ccatazze, il principe di Catazzi manda a Nnapoli per tazze. Risponde il tazzarolo che in Catazzi non ci son tazze che il principe di Catazzi manda a Nnapoli per tazze.

9. — Trentatre carrozze con trentatre cavalli veniveno ggiù da Trento tutt’e ttrentatre ttrottando.

10. — Fra le panche dei frati ce sta un campanello; in una tavola di signorotti c’è un piatto di foglioni cotti; cotti foglioni in quella tavola di signoroni.

11. — Tre bbarchette che vvanno per mare
Tutt’e ttre si fanno tregare.
Trega e ritrega, larga la foja, stretta la gregna
Tre bbarchette che vvanno per legna.

12. — Dentro l’orto de Fabbion
C’è una pianta di foglion
Fabbion ffoglion ccoglieva
E la pianta ppiù ccresceva.

13. — Io ciò un ago puntuto puntuto
Ch’ha ccucito un cappello di felpo felputo.
Felputo me, felputo te:
Chi sarà stato quel baron felputo
Ch’ha ffelputo a mme e a tte?

14. — Questa porta è aperta per chi pporta.
Chi ppoi non porta parta poco importa.

15. — Pasquale spacca a mme; e io nun ariesco de spaccà’ Ppasquale?

16. — Tre ttravi intravati tireli su.
Tre culi de frati bbàceli tu.

17. — Tre ffila de coralli fanno una gran coralleria.
Li conigli del sor Conte fanno una gran coniglieria.

18. — Crepa la crapa sotto a la bbanca; sotto a la bbanca la crapa crepa.

19. — Tre ttozzi di pan secco, dentro tre strette tasche.

20. — Tre ttasche strette in tre strettissime tasche stanno, ecc., ecc.

ROMASEGRETA.IT
ONLINE DAL 16/02/2003
----------------------------

Questo sito è stato realizzato anche grazie alla pazienza di Rita

giweather joomla module