Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza ed offrire servizi in linea con le tue preferenza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla pagina Cookie Policy.

Quanno la viddi entrà ner portoncino
je dissi una parola piano piano:
lei rispose ridenno; ar mezzanino
tutt'e dua se toccassimo la mano.

Io me fece coraggio: ar primo piano
je detti un bacio propio spizzichino;
arivati ar seconno, su' ripiano,
una ventata ce smorzò er cerino.

Mejo che mejo! Propio a mezze scale
io nun potette sta', l'abbracciai.
Voi ch'avressivo fatto? Tale e quale.

Ar terzo piano seguitò a sta' zitta, ma
ar quarto piano fece: - Ohé?.. Ma che farai
quanno ch'ariveremo su in soffitta?

ROMASEGRETA.IT
ONLINE DAL 16/02/2003
----------------------------

Questo sito è stato realizzato anche grazie alla pazienza di Rita

giweather joomla module