Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza ed offrire servizi in linea con le tue preferenza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla pagina Cookie Policy.

EL LEONE E ER CONIJO

Un povero Conijo umanitario

disse al Leone: — E fatte tajà l’ogna!

levete quel'artiji! È 'na vergogna!

Io, come socialista, so' contrario

a qualunque armamento che fa male

tanto a la pelle quanto a l'ideale.

— Me le farò spuntà... — disse el Leone

pe' fasse benvolé dar socialista:

e agnede difilato da un callista

incaricato de l'operazzione.

Quello pijò le forbice, e in du' bòtte

je fece zompà l'ogna e bona notte.

Ècchete che er Conijo, er giorno appresso,

ner vede un Lupo co' l'Agnello in bocca

dette l'allarme: — Olà! Sotto a chi tocca! —

El Leone je chiese: — E ch'è successo?

— Corri! C'è un Lupo! Presto! Daje addosso!

Eh! — dice —me dispiace, ma nun posso.

Prima m'hai detto: levete l'artiji,

e mó me strilli: all'armi!... E come vôi

che s'improvisi un popolo d'eroi

dov'hanno predicato li coniji?

Adesso aspetta, caro mio; bisogna

che me dài tempo pe' rimette l’ogna.

Va' tu dal Lupo. Faje perde er vizzio,

e a la più brutta spàccheje la testa

coll'ordine der giorno de protesta

ch'hai presentato all'urtimo comizzio...

— Ah, no! — disse er Conijo — Io so' fratello

tanto del Lupo quanto de l'Agnello.

gennaio 1915


LA LUCCIOLA

Una povera Lucciola, una notte,

pijò de petto a un Rospo in riva ar fiume

e cascò giù coll'ale mezze rotte.

Ar Rospo je ce presero le fótte.

Dice: — Ma come? giri con un lume

eppoi nemmanco sai

dove diavolo vai? —

La Lucciola rispose: — Scusa tanto,

ma la luce ch'io porto nu' la vedo

perché ce l'ho de dietro: e, in questo, credo

che c'è stato uno sbajo ne l'impianto.

Io dove passo illumino: però

se rischiaro la strada ch'ho già fatta

nun distinguo la strada che farò.

E nun te dico quanti inconvenienti

che me procura quela luce interna:

ogni vorta che accènno la lanterna

li Pipistrelli arroteno li denti...

— Capisco, — disse er Rospo — rappresenti

la Civirtà moderna

che per illuminà chi sta a l'oscuro

ogni tantino dà la testa ar muro...

26 ottobre 1916

 

L'EROE PRUDENTE

Ner mentre che un Agnello
se n'annava ar macello,
sentì un Montone che strillava: — Evviva!
Fatte coraggio! Pensa quant'è bello
de morì per l'idea, tutt'a vantaggio
de quela gente che rimane viva!
La vita, in fonno, è un ponte de passaggio
che ce riporta tutti all'antra riva...
— Tu parli propio bene, amico mio,
— je rispose l'Agnello — e se pur'io
facevo in tempo a diventà montone
sarei de la medesima opinione:
ma invece de scoccià, come fai te,
con una mucchia de parole belle,
risicherei la pelle...

18 giugno 1916


LA PAURA

— So' coraggioso e forte!
— disse un Cavallo ar Mulo — e vado ar campo
pieno de fede, sverto come un lampo,
tutto contento de sfidà la morte!
Se ariva quarche palla che m'ammazza
sacrifico la vita volentieri
pe' la conservazzione de la razza.
— Capisco, — disse er Mulo —
ma, su per giù, pur'io
che davanti ar pericolo rinculo,
nun conservo la razza a modo mio?

16 maggio 1915


LA RAZZA

Mimì, la Gatta nera, ha partorito,
ha fatto sei micetti e tutti e sei
nun cianno a che fa' gnente cór marito.
E pensa fra de lei: — De chi saranno?
der gatto bianco che trovai sur tetto
o der moretto che incontrai l'antr'anno?
Ma, — dice — sia chi sia,
so' tutti usciti da la panza mia. —

E li guarda, li lecca, li sbaciucchia,
finché se sdraja, e allora ogni micetto
cerca cór muso er caporello e succhia.
— Succhiate, pure, o fiji,
succhiate pure senza comprimenti,
così sarete forti e propotenti
e nun farete come li coniji,
ché in oggi tutta quanta la cariera
dipenne da li denti e da l'artiji.

Quanno vedete un cane
che vô rubbavve er pane,
prima che ve lo tocchi
portateje via l'occhi.
Fate er dovere vostro fino in fonno:
nun ve scordate mai che Dio ve fece
per ammazzà li sorci d'ogni spece
che lui stesso ha creato e messo ar monno.
E questo ve dimostra chiaramente
che la lotta de razza che c'è adesso
co' tutto l'odio che se porta appresso
la preparò Dio Padre Onnipotente.


LA MOSCA E ER RAGNO

Una Mosca diceva: — Io nun me lagno:
passo la vita mia senza fa' gnente,
volo su tutto e quer che trovo magno.
Se nun ce fosse er Ragno
ringrazzierei Dio Padre Onnipotente... —

Er Ragno barbottava: — Io me lamento
perché da quanno nasco insin che moro
nun me fermo un momento
e lavoro, lavoro...
Dato lo stato mio
nun posso ringrazzià Dommineddio:
ma bisogna, però, che riconosca
ch'ha creato la Mosca...


L'EDUCAZZIONE

Ce fu una Mosca che me se posò
su un pasticcio de gnocchi; io la cacciai:
ma quella, sì! scocciante più che mai,
fece un giretto ar sole e ritornò.
— Sciò! — je strillavo — sciò!...
che, se t'acchiappo, guai!
Se fussi una farfalla, embè, pazzienza,
ché armeno, quelle, vanno su le rose:
ma tu che te la fai
su certe brutte cose, è 'na schifenza!...—

La Mosca me rispose: — Avrai raggione,
ma la corpa è un po' tua che da principio
nun m'hai saputo dà l'educazzione.
Io trovo giusto che me cacci via
se vado su la robba che te piace,
ma nun me spiego che me lasci in pace
quanno me poso su la porcheria!


L'ISTRUZZIONE

Loreto, Pappagallo ammaestrato,
doppo trent'anni ritornò ner bosco
propio dov'era nato.
Er padre disse: — Come sei cambiato! —
La madre disse: — Nun te riconosco!
— So' diventato 'na celebbrità!
— rispose er Pappagallo co' la boria
d'un professore d'università —
Ho imparato a memoria
una dozzina de parole belle...
— Dodici sole?... — Sì, però so' quelle
che l'ommini ce formeno la Storia
e che so', su per giù, le litanie
de li discorsi e de le poesie:
Iddio, Patria, Famija, Fratellanza,
Onore, Gloria, Libbertà, Doveri,
Fede, Giustizzia, Civirtà, Uguajanza...—
La madre disse: — Fijo, parla piano,
nojantri nun volemo dispiaceri...


L'INGEGNO

L'Aquila disse ar Gatto: — Ormai so' celebre.
cór nome e co' la fama che ciò io
me ne frego der monno: tutti l'ommini
so' ammiratori de l'ingegno mio! —

Er Gatto je rispose: — Nu' ne dubbito.
Io, però, che frequento la cucina,
te posso di' che l'Omo ammira l'Aquila,
ma in fonno preferisce la Gallina...


LA FAMA

Un Centogamme disse: — Stammatina,
ner contamme li piedi, me so' accorto
che ce n'ho solamente una trentina!
Io nun capisco come
me so' fatto 'sto nome
se er conto de le gambe nun combina...
— E nun te fa' sentì, brutt'imbecille!
— je disse sottovoce un Millepiedi —
Pur'io so' conosciuto, ma te credi
che li piedi che ciò so' propio mille?
Macché! so' centottanta o giù de lì;
io, però, che lo so, nun dico gnente:
che me n'importa? C'è un fottìo de gente
ch'è diventata celebre così!

26 marzo 1915


L'OMO E EL LUPO

Un vecchio Lupo, ner guardà le stelle,
diventò bono e se sentì er dolore
d'avé scannato tante pecorelle.
(Tutte le cose belle
fanno un effetto maggico ner core.)

E diceva fra sé: — Pe' conto mio
sarei disposto a fa' la vita onesta:
però bisognerà che me travesta
perché nessuno sappia chi so' io.
Infatti puro l'Omo s'è convinto
che pe' sta' bene ar monno è necessaria
una certa vernice umanitaria
che copra la barbaria de l'istinto. —
E fisso in quel'idea
pijò la pelle d'un abbacchio morto
e ce se fece come una livrea:
poi, zitto zitto, entrò ner pecorume
che stava a magnà l'erba in riva ar fiume.

Mantenne la promessa: da quer giorno
fu l'amico più bono e più tranquillo
de l'agnelletti che ciaveva intorno.
Benché stasse a diggiuno
nun je storse un capello e, manco a dillo,
nun se ne mise all'anima nessuno.

Ma una brutta matina
trovò tutte le pecore scannate
e un vecchio co' le mano insanguinate
che contrattava la carneficina.
— Eh! — disse allora — l'Omo è sempre quello:
prèdica la bontà, ma all'atto pratico
nun è che un lupo: un lupo dipromatico
che specula sur sangue de l'agnello!

17 luglio 1917


BASTA LA MOSSA!

La Scimmia un giorno agnede dar fotografo.
Dice: — Vorrei sapé se so' capace
de fa' l'artista ner cinematografo.
Me piacerebbe tanto a fa' la traggica
ne la lanterna maggica!
— Eh! — disse lui — bisognerà che provi:
devo prima vedé come te metti
eppoi come te mòvi.
Fingi, presempio, d'esse una bestiola
in una posa un po' sentimentale,
che pensa a l'ideale
senza che sappia di' mezza parola... —

La Scimmia, con un'aria d'importanza,
se mise a sede, fece la svenevole,
guardò er soffitto e se grattò la panza.
— Brava! — strillò er fotografo — Benone!
Questo, pe' fa' cariera, basta e avanza:
sei nata propio co la vocazzione!
Se allarghi mejo certi movimenti
chissà che artista celebre diventi!

18 giugno 1916


ER CANE E LA LUNA

C'era 'na vorta un Cane, in mezzo a un vicolo,
che abbajava a la Luna. Passò un Gatto:
— Lascila perde! — disse — Che t'ha fatto?
Perché te guarda? Quanto sei ridicolo!
La Luna guarda tutti, ma nun bada
a quelli che s'ammazzeno pe' strada.

— E pe' questo ce sformo! — disse er Cane —
In mezzo a tante infamie e a tanti guai,
ècchela lì! nun s'è cambiata mai
e rimane impassibbile, rimane...
Me piacerebbe ch'aggricciasse er naso,
che stralunasse l'occhi... Nun c'è caso!

— Perché 'ste cose qui l'ha viste spesso:
— rispose er Gatto — er monno è sempre quello.
Quanno Caino sbudellò er fratello
la Luna rise tale e quale adesso:
ha riso sempre e riderà perfino
se un giorno Abbele scannerà Caino...


L'APE, ER BACO E LO SCORPIONE

Un'Ape, ne l'uscì dall'osteria
con un Baco da seta e 'no Scorpione,
je disse: — Grazzie de la compagnia:
spero de rivedevve a casa mia
in un'antra occasione.
Io, però, nun ricevo che a la sera
perché lavoro e tutta la giornata
fabbrico er miele e fabbrico la cera.
— Pur'io fatico e filo Dio sa quanto,
— fece er Baco da seta — e nun me resta
libbera che la festa...
— Su la tabbella der portone mio
— je disse lo Scorpione — ce sta scritto:
«Cammera del Lavoro». Lì sto io.
Per me qualunque giorno è indiferente,
so' pronto a fa' bisboccia a qualunqu'ora:
venite puro su libberamente...
— E voi che fate? — Gnente,
ma organizzo la gente che lavora.

29 marzo 1916


ER ROSPO E ER GAMBERO

Un Rospo chiese ar Gambero: — Perché
cammini a parteddietro e pe' traverso?
Quanto tempo de meno avressi perso
se invece annavi dritto come me!

— So' già sei vorte che me fai 'st'appunto,
— rispose allora er Gambero — ma bada:
ché a parte er modo de pijà la strada
se ritrovamo su lo stesso punto.

Tra l'antre cose, poi, c'è la questione
che tutta quanta la famija mia
camminava così: pe' quanto sia,
io devo conservà la tradizzione!

Lo capirai da te ch'è necessario... —
Er Rospo barbottò:— Ma vall'a pija!
Tu chiami tradizzione de famija
quello che invece è un vizzio ereditario!

1° maggio 1915


ER SOMARO E EL LEONE

Un Somaro diceva: — Anticamente,
quanno nun c'era la democrazzia,
la classe nostra nun valeva gnente.
Mi' nonno, infatti, per avé raggione
se coprì co' la pelle d'un Leone
e fu trattato rispettosamente.

— So' cambiati li tempi, amico caro:
— fece el Leone — ormai la pelle mia
nun serve più nemmeno da riparo.
Oggi, purtroppo, ho perso l'infruenza,
e ogni tanto so' io che pe' prudenza
me copro co' la pelle de somaro!

1° maggio 1915


LA PECORELLA

Una povera Pecora imprudente,
passanno un fiume spensieratamente,
cascò nell'acqua, fece: glu-glu-glu,
e nun se vidde più.
Naturarmente, tutte le compagne,
saputo er fatto, corsero sur posto
e incominciorno a piagne.
— Povera Pecorella!
— Lei ch'era tanto bona!
Lei ch'era tanto bella! —

Puro l'Omo dannò: ma, ne la furia
de dimostraje la pietà cristiana,
invece de strillà: — Povera Pecora! —
strillò: — Povera lana!

5 aprile 1914


LA FARFALLA E L'APE

— Bisogna che rimetta li colori.
— aveva detto la Farfalla bianca
mentre cercava de succhià li fiori —
Me vojo fa' un bell'abbito de moda
coll'ale d'oro filettate lilla
e un velo color celo su la coda.
Chissà quante passioni
farò tra li mosconi de la villa! —
Un'Ape che girava tra le rose
j'agnede incontro e disse: — Amica mia,
nun è er momento de pensà a 'ste cose...
Er sangue de li fiori che te piji
lo levi a me, che sudo e che lavoro
pe' protegge li fiji
ne le casette loro.
Che te ne fai dell'ale tutte d'oro
se poi l'ucelli barberi
agguattati sull'arberi
te s'affiareno addosso co' l'artiji?
Io sola, che ciò un ago sempre pronto
pe' vendicà un affronto,
potrebbe ripijà le parte tue;
ma se però me levi la maniera
de rinforzamme l'arma, bona sera!
Restamo buggerate tutt'e due!

novembre 1916


SCENZA E PREGGIUDIZZIO

Un Professore chiese a la servetta:
— Co' che te sei curata la ferita?
co' la tela de ragno? Ah, scimunita!
Nun sai che quela tela è sempre infetta?
Te stagna er sangue, sì, ma spesse vorte
te l'avvelena e te condanna a morte.

Lì ce cova un bacillo che s'attacca
e fa l'effetto de la strichinina:
sta' attenta dunque, e quann'è la matina,
ogni ragno che vedi, pija e acciacca;
ormai la scenza nova ha buggerato
li vecchi preggiudizzi der passato. —

Ecco che la servetta, er giorno istesso,
appena vidde un Ragno, manco a dillo,
fu tanto lo spavento der bacillo
che prese una ciavatta e j'annò appresso.
Ma quello se fermò. Dice: — Che fai?
Ragno porta guadagno, nu' lo sai?

Perché m'ammazzi? Nun so' forse io
che porto l'abbondanza drento casa?
— Se è così, — fece lei — so' persuasa... —
E er Ragno disse: — Ringrazziamo Iddio!
Finché se pô sfruttà la providenza
er preggiudizzio buggera la scenza.

10 luglio 1914


FESTA DA BALLO

Li Sorci bianchi dànno una gran festa
in una bella casa signorile;
un Gatto, che passeggia ner cortile,
ner sentì li rumori arza la testa.
Mentre li Sorci rideno fra loro,
arriva un Pipistrello mijonario
assieme a la signora Sorcadoro.
Er Gatto appizza er muso
e, un po' indeciso, guarda un lucernario
cór finestrino chiuso...

Incomincia la musica. Ogni coppia
s'abbraccica, se strigne e se strufina;
quarche maschio se sbronza e quarche femmina
pija la cocaina.
Er Gatto, risoluto,
move la coda morbida
come fosse una frusta de velluto,
e imbocca a precipizzio
le scale de servizzio.

— Ve vojo fa' ballà da la finestra!
— barbotta er Micio mentre fa le scale —
Sentirete che musica! —
L'orchestra fa er galoppo finale...

ROMASEGRETA.IT
ONLINE DAL 16/02/2003
----------------------------

Questo sito è stato realizzato anche grazie alla pazienza di Rita

giweather joomla module