Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza ed offrire servizi in linea con le tue preferenza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla pagina Cookie Policy.

In un alba di sole e di luce, alla distanza di un anno dal delitto, uscendo dal carcere:

Libero...so libero!!...finarmente!!!...

gnisuno...proprio gnisuno m'è venuto a pià!

Nemmeno mi sorella...mamma mia...(tra se)
Eppure je lo disse er Presidente
Che ar Coeli tornavo solamente
Pè sta nottata...pè na nottata sola
Ch'è stata eterna!!
(pausa, indi sette tocchi di orologio)

E' presto ancora: è l'orologio che sta sulla "chiesola"
Lo riconosco! M'ha contate l'ora
A una a una..., ogni giorno: pé n'anno.
Aspetterò un momento qua de fora...
Ne so sicuro: nu' ritarderanno!...
Pora vecchietta ! quanno me vedrà,
sai sì quanta emozione proverà.
(pausa breve) L'ho riveduta "in causa", iersera,
guardà fisso in dell'occhi er fijo suo,
me pareva una statua de cera:
er labbro mormorava 'na preghiera!
E rientrata la "Corte" m'ha soriso
Come pé dì: - si nun t'assorveranno
S'arivedremmo, fijo, in Paradiso!!!

(con forza) No...no...nun se condanna un fijo
che, pé sarvà la madre,
s'aribella a na legge de natura
e in un attimo solo...ammazza...er padre. (pausa)
(pianissimo) Papà, che pace sia all'anima sua,
nun era nato pé fa compagnia
a quella santa de mamma! Fra li dua
nun reganava l'accordo: e la famija,
la casa, le premure, le dolcezze
che, fosse pure l'omo più cattivo,
so' bone a risvejà le tenerezze,
c'ogni omo tié anniscoste drento ar côre,
co' lui non furno bone!! Sempre uguale!
Torvo, l'occhio accigliato, mai espansivo...
Ce dominava a tutti cor terore!!
Più de tutti co' mamma era brutale,
Pé 'na cosa da gnente l'insurtava
Co' i nomi più schifosi, e je menava!!
Noiantri piccoletti, spaventati,
aggrappati alle veste strillavamo:
Papà!...Papà!...Ma quello seguitava
A fa piove li corpi sui spietati
Su la moje sua...su mamma nostra
Che pista e insanguinata, poi cascava!!
(accorato) A casa era n'inferno!!!...

(pausa) Un giorno, trovai mamma sola sola
che piangeva accorata! Indovinai,
e, senza manco dije 'na parola,
scoppiai pur'io in singhiozzi, e la baciai!...
- Mamma...mamma...papà nun te vo' bene,
Te mena sempre...annamesene via!!...
M'asciugò l'occhi: - No, filetto mio...
Papà è malato...è la "nevrastenia"...
Nun è cattivo...prega, prega Iddio
Che lo guarisca, e poi, tutte le pene,
Vedrai che finiranno!...
(pausa breve) Doppo 'na scenataccia più brutale,
mì madre fu portata all'ospedale!

Tornò a casa sfinita, poverella!
E a me, me pare ancora de vedella
Bianca, come la fascia che fasciava
La fronte sua ferita!...Che tortura
Pé me ch'entravo allora in quindici anni,
e capivo...capivo tante cose...
(pausa) – Nun me fido più soffrì 'st'affanni...
nun me ne fido più! – disse accorata
'na vorta – Io la guardai...ebbi paura,
e chiusi la finestra spalancata.
Lei me capì, me strinse forte ar petto:
- No..., no, filetto mio!...no...nun te lasso!!
- E me baciò tenennomese stretto
Adesso, mà, so' "granne"...annamo via...
La vita, qui, pé te, è 'n'eterno pianto...
Io te farò felice mamma mia
Lavorerò pé te te sortanto!!
- Sì...sì...ma lui nun è cattivo!
È malato...vedrai che guarirà,
e a vive in pace se ritornerà!

(pausa triste) Ma quella pace tanto sospirata

a casa mia nun veniva mai!
Ogni giorno una lite...una scenata:
co' mì padre ogni giorno erano guai!
Quanto soffrivo! Quante e quante vorte
Ho frenato li singhiozzi qui ner petto,
er giorno ch'ero nato ho maledetto...
ho chiamato la morte!!! (lugubre)
Sarebbe stato mejo!, mejo assai!!!...

(pausa lunghissima) La matina der dodici gennaro
mì padre tornò a casa stralunato.
Ndé la notte nun s'era ritirato:
frequentava "'na bisca", frequentava,
e dar "tappeto" allora se staccava
quanno aveva perso tutto! Io stavo a letto...
L'intesi che sbuffava...borbottava...
Sbatteva porte, biasimava i santi...
Mentre co' un passo lungo, concitato,
faceva pé la casa, indietro e avanti.
- Che guardi? – E chi te dice gnente?... - Va via!!!
- Esse bono... - va bene me ne vado,
- Tu stai nervoso perché hai perso ar gioco...
A sta parola intesi dà 'no schiaffo!
- Faccio come me pare...via! Va via...
Io m'intesi sur viso come un foco:
er foco dello schiaffo dato a mamma
e rannicchiato a letto, solo solo
me misi a piagne e a mozzico er lenzolo...
- Annatevene tutti! Tutti via
Sinno', sangue de Cristo, un giorno o l'altro
V'ammazzo a tutti co' le mano mia!!!
- Purché finisse 'sta vitaccia infame!...
Rispose mamma mia sbottanno un pianto.
- E famola finita!!! – ar tempo stesso
intesi caccià un urlo de dolore
insieme ar tonfo d'un corpo che cascava!
Quer tonfo fu pé me 'na pugnalata
Sartai dar letto...spalancai la porta
Per tera c'era mamma insanguinata...
Mì padre cor bastone seguitava
A dà corpi feroci all'impazzata...
- Aiuto...aiuto...m'ammazza
Uno schizzo de sangue callo callo
M'arivò in faccia come fosse sputo:
"Vile!...vile...tu' madre more...che fai?"
Allora come spinto da 'na molla...
C'era un fucile ar muro, e lo staccai...
(rantolando) Aiuto...aiuto...chiusi l'occhi...e sparai!!!...

(pausa lunga e raccapricciante – si sentono battere le ferrate del carcere)

E' la "ronda" che batte le ferate!
Quante vorte de notte m'ha sorpreso
Accanto allo sgabello, inginocchiato,
che pregavo e piangevo...
Piangevo amaramente er mì peccato
Pregavo pé mì padre!!
La Giustizia dell'omeni m'ha assorto
Ce manca adesso che m'assorva Iddio

(pausa; indi con il viso trasfigurante di gioia)

No...nun me sbajo...è lei...mì madre!!
Mamma, mamma bella!! Sì...so' io!!!

ROMASEGRETA.IT
ONLINE DAL 16/02/2003
----------------------------

Questo sito è stato realizzato anche grazie alla pazienza di Rita

giweather joomla module