Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza ed offrire servizi in linea con le tue preferenza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla pagina Cookie Policy.

Com'è che persi er braccio?
Lassamo annà! nun me lo domannate!

'Sto braccio ci ha 'na storia dolorosa
che me ce vie' da piagne a ricordalla!
'Sto braccio ci ha 'na storia vergognosa,
che me vergogno pure ariccontalla!!

Quanno morì mi' padre all'ospedale,
doppo un sacco d'acciacchi e de malanni,
nun avevo finito dodici anni...
e fra l'urtimi spasimi der male,
m'insegnò mamma, e disse 'ste parole:
«Rispettala!... ubbidiscila!...
cerca a nun daje affanni!!»... e morì!!
E io, ho seguitato pe' tanti anni,
a baciaje la mano co' rispetto,
e a domnnaje la benedizione,
tutte le sere quanno annavo a letto.
E doppo poi?...
Vedemmese cambià tutto d'un botto..
er mejo fiore diventaje ortica,
e dovè dì: «L'ho fatto giovenotto,
ma ci ho sprecato er tempo e la fatica!!»

(pausa)

Comme... comme fu che me cambiai!...
che feci tutto insieme un vortafaccia!..
Comme fu che d'un tratto me scordai
de mamma mia e diventai bojaccia.
'Na donna!!! ... Se chiamava Nunziatina!...
La vidi de sfuggita, 'na matina,
'nder mentre spalancava la finestra
de casa sua! p'annacquà li vasi...
e quelle trecce nere, quella bocca,
più rossa der garofolo sgargiante,
che veniva annacquanno co' la brocca...
e quell'occhi de sonno neri neri
più vellutati assai de' le viole
m'entrorno comme spine qui ner core,
e arimasi 'nchiodato sur cantone,
fisso, a guardà sta mora, ch'era bella,
più bella assai d'un friccico de sole!
Lei quanno s'accorse che guardavo,
fece 'na risatella sminchionata
che m'entrò qui... come 'na cortellata :
« Ber giovenotto che guardate tanto
V'avviso a nun perdecce er sentimento
li baci mii a un bullo dò sortanto! »
- cantò!! -
A un bullo solo!..So' un lavoratore
ci ho mamma...ma qui er core
me lo sento pur'io da giovenotto!
E pe' quer giorno drento all'officina,
nun viddi che lei sola: Nunziatina!
Pe' falla corta, doppo due o tre giorni,
seppi che bazzicava 'na saletta!
Dissi - Nun è pe' me!! - Ma poi 'na sera
Vado su casa...magno... feci a mamma:
-Sorto un momento... vada da n'amico-
e invece agnedi a Vicolo der Fico..!!
Entro... guardo!... Si, si, ce stava!...
abbraccicato, stretto, ce ballava
un tipo bullo dei più nominati:
-Co' sta ragazza qui, ce ballo io!! -
Je detti 'no spintone, e lo scostai...
-Sorte de fôra, a boja!! - Je menai!! -

Poi vado a casa. Mamma m'aspettava.
Quanno me vide entra' scombussolato :
- Fijo! -strillò- ch'hai fatto? - Gnente! - dissi.
Ma mentre stavo sotto le lenzola,
credennose davero che dormissi,
l'intesi che piagneva sola sola!!.

(pausa)

Ritorno sur cantone la matina:
S'aperse la finestra piano piano,
e quanno che s'affaccia Nunziatina,
je tiro un bacio: lei me fa un sorriso,
stacca un fiore, lo bacia, e me lo tira!!.
Toccai in quer momento er paradiso!

(pausa)

E che baci de fôco che me dette
co' quella bocca rossa corallina!...
Quanti baci de fôco!... quante strette!..
me seppe dà 'sta bella... 'sta riggina,
che me teneva schiavo incatenato :
manco si fussi stato affatturato!!!
- Fijo!, so tutto!!.. Quella t'arovina!..
Lassala perde!.. Senti a mamma tua!..
M'è stato detto che sta Nunziatina
è 'na poco de bono...na ciovetta!..
Nun ci annà più, fijo bello!.. Damme retta!! -
- A ma'!, Nun cominciamo co' 'sta lagna..
Nun le ripete più certe parole...
nun crede a quer che dice er vicinato...-
- Nun so chiacchiere, no! M'hanno avvisato
che te la voi sposà! Te sposi una,
ch'hai conosciuta drento a 'na saletta
na ragazza che n'ci ha riputazione...
si, te lo dico forte: 'na ciovetta !!!

(impetuoso)

-Ci ho ventun'anno, e fo' quer che me pare!
Basta, ma' !! Er diritto d'insurtalla,
io nun lo dò a gnisuno: manco a voi!!!
- Manco a tu' madre. Vattene via, va via!!!
'Sto garofolo rosso che t'ha dato,
nun ci ha da stà qui drento a 'sto quadruccio...
L'hai macchiato de sangue.... l'hai macchiato!!..
Si, ce lo so... pe' lei... pe' Nunziatina...
na regazza ch'è già disonorata...
si!, te le dico forte : 'Na sgualdrina !!

(Con impeto folle)

- Basta, ma'!!! -

(pianissimo)

Detti 'no schiaffo a mamma!!!

(pausa lunga)

Doppo du'mesi sposo Nunziatina.
M'ero preso tre cammere e cucina
pe' Borgo Pio. Era 'na casetta piena
de sole, co' la sù loggetta
er «mignano», la pergola co' l'uva
un paradiso fatto pe' noi dua!!
Nunziata, quanno stavo pensieroso,
me spianava la fronte co' un bacetto
poi me faceva : - Che ce pensi a fa?..
Sta allegro... mamma te perdonerà.
E l'abbracciavo, la strignevo ar petto:
- Basta che me vôi bene te sortanto,
nun m'importa der monno... de gnisuno!!!
Dimme: me vôi bene? - Tanto!, tanto!...

(con emozione crescente)

Ma poi 'na sera, ritornanno a ccasa,
entro... chiamo...  gnisuno me risponne!
Cor côre che schioppava qui ner petto
pensai: - Che stesse male!?..
Entrai 'nde la cammera da letto.
Sur tavolino ce trovai un bijetto...
apro... leggo:
« Parto co' un bullo che me piace tanto,
der quale ne so' pazza innamorata,
nun me cercà!...
    Nunziata. »

(accorato)

Ah! mamma mia!!..

(pausa lunga)

Era passato n'anno da 'sto fatto.
Ci avevo su 'na piccola officina:
badavo solo a riparà er mar fatto,
nun pensavo più manco a ... Nunziatina.

(con espressione tenera)

Pensavo a mamma!!! A quella vecchiarella
fatta più bianca... cor su' fagotello
ch'annava a fà la spesa ogni matina!
D'anniscosto, accossì, l'ammiravo:
e ripensanno a quer che avevo fatto,
me veniva da piagne, e poi pensavo:
-Domatina la fermo!... che dirà?
Me caccia via o me perdonerà?.. -
Un giorno, fatto arfine risoluto,
mentre passava lei, all'improviso
me je butto a li piedi! -Mamma mia...
perdoneme! So' stato n'assassino!!
- Fijo moi bello! - disse, e su sto viso
me dette cento baci in d'un momento...
- È tanto tempo che t'ho perdonato !
Ch'aspettavo che fossi ritornato!!!..
- Mamma!, ho messo giudizio n'altra vorta...
ci ho li trapani... er tornio...
nun rimanemo qui sopra la porta...
'sta botteguccia è mia !... n'ce se crede:
l'ho fatta in pochi mesi di lavoro...
A ma' ... venite qua... venite a vede
si come gira 'sto lavoro:
l'avrò da consegnà dentro domani...
- Attento, fijo, nun accostà le mani
all'ingranaggi...

(urlo di dolore)

- Ah!.... - Fijo mio...

(pianissimo)

A ma', è quella mano
che pe' davve 'no schiaffo io v'ho arzata...
A ma'!... È er destino che l'ha gastigata!!

ROMASEGRETA.IT
ONLINE DAL 16/02/2003
----------------------------

Questo sito è stato realizzato anche grazie alla pazienza di Rita

giweather joomla module