Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza ed offrire servizi in linea con le tue preferenza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla pagina Cookie Policy.

(La scena rappresenta una squallida soffitta. Il temporale si dilegua
lontano con frequenti lampeggiamenti e brontolii di tuono.
Un uomo sui 45 anni, miseramente vestito, dopo essersi introdotto
cautamente nella stanza, chiude la porta a chiave precipitosamente.
- A tentoni nel buio raggiunge un tavolino sgangherato e vi posa un
elegante cofanetto ravvolto in un fazzoletto a colori e un coltello acuminato.
- Si fa luce con dei fiammiferi ed accende una candela, infissa in una bottiglia. -
Paurosamente guarda le ombre che si dileguano. - Ha le mani macchiate di sangue -
Dopo un pò di pausa, cade affranto su una sedia:)

Finarmente rifiato...Stò ar sicuro!
Gnisuno m'ha veduto: manco Dio!!
Co' 'st'acqua che viè giù, e co' 'sto scuro
chi vôi che me vedesse?...Solo io
so quer c'ho fatto in de 'sta notte nera!!

(guardandosi le mani con ribrezzo)

Sangue! (pausa) me fa ribrezzo! se direbbe
che tremo! (risoluto) Ma de che? da la paura?
dar rimorso? Ah si! ciàmancherebbe!!
Ciàmancherebbe, si è la jettatura
che ha vorsuto così! La jettatura
che nun m'ha mai vorsuto galantomo!
Provà rimorso, quanno ch'er destino
me carpesta...me schiaccia 'ndè la fanga
e me dice: - nun vojo che sei bono...
che ci hai famija...sei un lavoratore...
Vojo che bevi lacrime e dolore...
che scenni 'nsino all'urtimo scalino:
t'ho condannato a diventà assassino,
e assassino diventa! - (lugubre) l'ho obbedito!!

(pausa lunga - brontolio di tuono)

Ce so' passato tante e tante sere
pè quella strada, e, sotto a quer villino
co' le finestre illuminate,
ci ho guardato accosì...pè l'ore intere.
'Nde li bicchieri se schiumava er vino...
e lassù, se rideva...se magnava
godennose la vita allegramente
mentre, stracco, affamato...sfinito,
pè me, gnente...mai gnente! (con forza) Ma mò no!

(pausa lunghissima)

Era passata già la mezzanotte,
Pioveva, o pè dì mejo diluviava.
Nun passava gnisuno lì a quell'ora.
Er lampo, che ogni tanto sbarbajava,
pareva m'insegnasse la finestra
come pè dimme: - và!, ce pensi ancora? -
E ce so' ito!!! Butto su e' rampone...
monto ar primo piano...
senza 'no scrocchio,
sfascio er catenaccio der barcone.
Ar balenà d'un lampo, a corpo d'occhio.
ho visto ch'era "cammera da letto":
me so accucciato...poi, così, a struscicone,
sò ito fino ar muro de rimpetto!
All'improvviso, un lampo maledetto,
sbaraja 'nde la stanza, accosì chiaro,
che illumina quer che ci avevo intorno
manco si fusse stato mezzogiorno!!!
Acciderba che lusso! Sola sola
'ntravidi in quer chiarore 'na regazza
intorcinata immezzo alle lenzola.
Pensai: - 'Na mantenuta...'na cocotte!...-
Allora, piano piano, me so' arzato:
stretto, qui in bocca, ci ho messo er cortello,
e, co' 'n occhio ar tiretto e l'artro ar letto,
ho incominciato a daje de "scarpello"!
Sforzo...er tiretto scrocchia...un par de bòtte,
e tutto è fatto! A un tratto 'nde la notte,
sento un rumor de passi cadenzati:
- Madonna!! la Pattuja!! e si se sveja? -
A 'sto pensiero qui, me sò gelato!
Lo scarpello me casca...fà rumore...
Boja disdetta!!! quella s'è svejata!!

Rifà la strada e fugge per barcone?
Sarei cascato in braccio ar pattujone!
'Nfrattanto, insospettita dar rumore,
quella, sur letto s'era messa a sede:
Madonna che momento!!
Ar chiarore d'un lampo lei me vede...
spalanca l'occhi...fà pè caccià un urlo
de terore...ma sverto più der vento,
comme 'na tigre...cor cortello arzato,
l'ho "inchiodata" frammezzo alle lenzola!!

(pausa raccapricciante, indi, tuono)

Poveraccia! ha provato a strillà "mamma"
ma quello strillo j'è rimasto in gola
àffogato dar sangue!! (pausa)

(guardandosi le mani, e rabbrividendo)

Sangue!!

(pausa, indi tre tocchi di orologio)

Sò le tre! Pare che sona a morto
'sta campana!- (pausa) Ho freddo!! - fà paura
a guardamme 'ste mano! embè!?...ce tremo!
Che fossi diventato 'na criatura?
(con forza) No...no!!
Nun devo esse accosì! mo so' "assassino"!...
Er còre l'ho da stregne co' 'na stretta,
e l'ho da stregne, lo da stregne infino
a soffocà e' rimorso e la paura
perchè, se la mì sorte maledetta
m'ha vorsuto cattivo, io l'ho da esse
senza rimpianti, e senza fà lamenti!!

(con tenerezza e rammarico)

Io nun ero accosì, quando mì madre
me consijò de mette sù famija:
ero in quer tempo, un bon lavoratore
e quanno, doppo un pò, me nacque Ersilia,
me c'attaccai co' l'anima e còr còre
a quela fija bella come un fiore...
e m'aricordo, quanno che la sera,
piccoletta, veniva pè le scale,
p'abbraccicamme le gambe e arampicasse,
pè li gran baci je facevo male!!

(la tempesta riprende la sua violenza - raffiche di vento,
lampeggiare più frequente e scoppi di tuono - accennando al temporale)

Comme la notte che morì mì moje!!
si, talecquale proprio a quella notte!
E che io cerco de distoje
'sto cervellaccio mio a ripensacce?
Gnente!! 'Gni vorta che alle lastre rotte
de 'sta soffitta dove me rintano
ce sbatte l'acqua o ce sbaraja er lampo,
s'ariffaccia a la mente, piano piano,
quer profilo che, certo in fin che campo,
nun se potrà scassà da 'sto cervello!
(con commozione crescente)
Bianca, più bianca assai delle lenzola
der letto, 'ndove Rosa me moriva,
Ersilia, poverella, che giù in gola
se tratteneva er pianto, je veniva
asciuganno le labbra ancora sporche
de sangue! Rosa, moriva tisica!...
e arisento
'a stessa voce rotta dalla tosse
e quer fiatone che j'arzava er petto:
- Ersilia...hai tredici anni...io te lasso...
quì c'è tu padre...porteje rispetto!! -
Poi co' 'no sforzo, cercò de arzà 'na mano,
e, doppo che se fu cercata in petto
cacciò un brillocco, e poi: - 'Sto medajone
tiettelo ar collo...pè ricordo mio!...
C'è 'na viola seccata, e all'antro lato,
'ste du' parole che ci ho scritte io:
- Qualunque 'nde la vita sia la spina,
tu chiama mamma, e te vierò vicina! -

Dalla finestra mezzo sganghernata
fischiò la tramontana, e quer lamento,
me parve in quer momento
la risata d'un demonio! e poi più gnente:
morì!!...
(accalorandosi)
E doppo poi? Amichi...gioco...vino
E doppo? Ersilia a quindici anni me scappò.
E doppo? Vino...vino...vino...
Si, sempre vino! e doppo?
Ladro!! e doppo? (lugubre con voce strozzata)
doppo...assassino!!!
(pausa, poi con impeto)
Basta mò! basta coi pensieri neri.
Ho vinto io 'sta vorta: ho vinto io!!
(ghermisce il piccolo forziere, con il coltello ne scassina la
serratura - ha un lampo di cupidigia negli occhi allorchè ne
rovescia il contenuto sul tavolo)
Oro...brillanti...Oro...
(terrificato, con la voce nella strozza)
Cristo! - un medajone!!!
C'è 'na viola seccata!!...ce sta scritto...
(legge)
- Qualunque 'nde la vita sia la spina...
(urlo di terrore)
Fija de Dio!...Ersilia fija mia!!
(come fulminato cade sulla sedia e scoppia in singhiozzi. d'un tratto, nel
parossismo del dolore, afferra il coltellaccio e se lo vibra con forza
all'impazzata nel petto e nella gola, rotolando)

Hai chiamato tu' madre!!...T'ho sgozzata...
Bojaccia!!...Bojaccia!!
(cade, e con voce roca)
Mo te poi...conte...ntà...bo...ja...destino!!

ROMASEGRETA.IT
ONLINE DAL 16/02/2003
----------------------------

Questo sito è stato realizzato anche grazie alla pazienza di Rita

giweather joomla module