Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza ed offrire servizi in linea con le tue preferenza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla pagina Cookie Policy.

Stavo a ppisscià jjerzéra llí a lo scuro
tra Mmadama Lugrezzia e ttra Ssan Marco,
quann’ecchete, affiarato com’un farco,
un sguizzero der Papa duro duro.

De posta me fa sbatte er cazzo ar muro,
poi vô llevamme er fongo: io me l’incarco:
e cco la patta in mano pijjo l’arco
de li tre-Rre, strillanno: vienghi puro.

Me sentivo quer froscio dí a le tacche
cor fiatone: «Tartaifel, sor paine,
pss, nun currete tante, ché ssò stracche».

Poi co mill’antre parole turchine
ciaggiontava: «Viè cquà, ffijje te vacche,
che ppeveremo un pon picchier te vine».

Roma, 13 settembre 1830 - De Peppe er tosto

ROMASEGRETA.IT
ONLINE DAL 16/02/2003
----------------------------

Questo sito è stato realizzato anche grazie alla pazienza di Rita

giweather joomla module