Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza ed offrire servizi in linea con le tue preferenza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla pagina Cookie Policy.

Te lo saressi creso, eh Gurgumella,
ch'er zor paìno, er zor dorce-me-frega,
che manco ha ffiato per annà a bottega,
potessi slargà er bucio a 'na zitella?

Tu nu lo sai ch'edè sta marachella;
tutta farina de quell'antra strega.
Mo che nun trova lei chi je la sega,
fa la ruffiana de la su' sorella.

Io sarebbe omo, corpo de l'abbrei,
senza mettécce né ssale né ojo,
de dàjene tre vorte trentasei:

ma nun vojo piú affríggeme, nun vojo;
che de donne pe dio come che lei
'ggni monnezzaro me ne dà un pricojo.

7 agosto 1828

ROMASEGRETA.IT
ONLINE DAL 16/02/2003
----------------------------

Questo sito è stato realizzato anche grazie alla pazienza di Rita

giweather joomla module