Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza ed offrire servizi in linea con le tue preferenza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla pagina Cookie Policy.

Nun te pijà gatti a pelà, Giuanni;
chi impiccia la matassa se la sbroji:
stattene a casa co li tu malanni,
ché er monno tanto va, vvoji o nun voji.

Io nun vorrìa sta un cazzo in de li panni
de sti sfrabbica Rome e Campidoji
ché er mettese a cozzà contro li banni
è un mare-maggna tutto pien de scoji.

Sai quanto è mmejo maggnà ppane e sputo,
che spone a repentajo er gargarozzo
pe ffà strozzate de baron fottuto?

Tù lassa annà a l'ingiú l'acqua in ner pozzo;
e hai da dí che Iddio t'ha ben vorzuto
com'e quarmente t'arimedia er tozzo.

19 febbraio 1830

ROMASEGRETA.IT
ONLINE DAL 16/02/2003
----------------------------

Questo sito è stato realizzato anche grazie alla pazienza di Rita

giweather joomla module